Dal bikini al tailleur, ora Miss Italia si forma in azienda

Da quest’anno la ragazza “in Gambissima” iscritta all’Università riceverà una borsa di studio dallo sponsor del concorso Barachini

In tempo di crisi anche Miss Italia pensa al futuro lavorativo delle sue ragazze. Il concorso di bellezza più famoso d’Italia ha deciso di riservare un titolo alle giovanissime iscritte all’Università, che da quest’anno potranno ottenere una borsa di studio, offerta dal marchio Barachini.  

Laddove la realizzazione professionale non dovesse passare per il settore “bellezza e moda”, stage aziendali e sessioni formative all’Università di Pisa, (dove Marco Barachini svolge seminari), aiuteranno la miss – borsista a farsi strada. L’azienda calzaturiera toscana, sponsor del Concorso, trasformerà il normale contratto di lavoro di testimonial della miss legata al suo nome (Ragazza in Gambissima Luciano Barachini) in qualcosa di molto concreto: una nuova esperienza formativa per prepararsi ad entrare nel mondo del lavoro.

«Contro la retorica della crisi – ha sottolineato Barachini – proponiamo una risposta di tutto rispetto, scegliendo di investire in cultura e formazione, offrendo alle aspiranti Miss in Gambissima un’opportunità di realizzazione professionale (diventare testimonial del marchio Barachini) e prepararsi ad entrare nel mondo del lavoro.  Ogni personaggio dello spettacolo è una piccola ‘azienda’ e quindi deve essere amministrata».

La ragazza in Gambissima, oltre ad un titolo che ormai ha fatto storia, riceverà un solido background che potrà essere esibito contro tutti i detrattori del concorso.

Total
0
Shares
1 comment
  1. A me sembra che queste ragazze godano già di parecchi privilegi. Se hanno tempo da perdere per una sfilata le premiamo pure? Signori ma per favore! E’ davvero ridicolo tutto ciò, siamo proprio la patria del Bunga Bunga!

Lascia un commento
Previous Article

La scelta, il viaggio, internet. Tre laboratori a Milano

Next Article

L'Italia, un Paese over 60 con i giovani per strada

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.