Dai rettori siciliani un appello alla Regione

“La Regione torni indietro sull’annunciata volontà di decurtare i finanziamenti a sostegno delle università siciliane”. E’ questo l’appello che il rettore di Palermo Roberto Lagalla, nella sua qualità di presidente pro-tempore del Comitato regionale universitario della Sicilia, a nome di tutti e quattro gli atenei dell’Isola, ha indirizzato al presidente della Regione Raffaele Lombardo, agli assessori all’Istruzione e all’Economia, Mario Centorrino e Gaetano Armao, e ai componenti delle Commissioni Bilancio e Cultura, formazione e lavoro dell’Ars, per scongiurare l’annunciato taglio degli interventi regionali a favore del sistema universitario, che porterebbe “evidente nocumento per gli studenti e le loro famiglie e per la qualità complessiva dell’offerta formativa in Sicilia”.

“La Regione torni indietro sull’annunciata volontà di decurtare i finanziamenti a sostegno delle università siciliane”. E’ questo l’appello che il rettore di Palermo Roberto Lagalla, nella sua qualità di presidente pro-tempore del Comitato regionale universitario della Sicilia, a nome di tutti e quattro gli atenei dell’Isola, ha indirizzato al presidente della Regione Raffaele Lombardo, agli assessori all’Istruzione e all’Economia, Mario Centorrino e Gaetano Armao, e ai componenti delle Commissioni Bilancio e Cultura, formazione e lavoro dell’Ars, per scongiurare l’annunciato taglio degli interventi regionali a favore del sistema universitario, che porterebbe “evidente nocumento per gli studenti e le loro famiglie e per la qualità complessiva dell’offerta formativa in Sicilia”.

“Gli organi di informazione – osservano i rettori – hanno ampiamente riportato in questi giorni l’orientamento del Governo regionale di ridurre, a causa del noto e generale stato di crisi, le risorse destinate dal bilancio di previsione 2011 al sistema universitario della Sicilia”. “Anche grazie ai proficui rapporti di collaborazione intercorsi tra gli atenei siciliani e il Governo della Regione – ricorda il prof. Lagalla -, nell’anno 2010 sono stati confermati i trasferimenti ordinari ed ulteriormente destinati alle Università statali siciliane 15 milioni di euro per interventi di infrastrutturazione e potenziamento tecnologico. Quantunque non sufficienti a sopperire al drastico e drammatico taglio dei trasferimenti ministeriali, fortemente penalizzante soprattutto per gli Atenei del Mezzogiorno d’Italia, tali risorse hanno comunque consentito il soddisfacimento di alcune specifiche e prioritarie esigenze che l’annunciata contrazione, programmata per il 201, pregiudicherebbe irreversibilmente”.

“A nome delle Università operanti nella Regione – conclude Lagalla -, rivolgo perciò al Governo e ai parlamentari regionali un caloroso appello a riconsiderare, in vista della predisposizione del bilancio regionale 2011, l’annunciata decisione”.

I rettori chiedono infine di promuovere, su questo argomento, un incontro collegiale “al fine di individuare eventuali interventi alternativi, tali da consentire la salvaguardia dei livelli di efficacia ed efficienza del sistema universitario isolano”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dipendenza del XI° secolo

Next Article

Gelmini, la riforma verso il decollo

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.