Da OrientaSud la proposta per la “città dei giovani”

Apre sulle note dell’inno europeo e dell’inno di Mameli la dodicesima edizione di OrientaSud.
Mariano Berriola, Presidente di OrientaSud nel corso del convegno di apertura dal titolo “Scuola, Università, Ricerca, Innovazione, Lavoro: il Paese riparte” ha lanciato una proposta concreta per l’istituzione a Napoli della “Città dei Giovani”. Uno spazio fisico e mentale di accoglienza della creatività giovanile. “Un luogo che diventi propulsore di iniziative per i giovani, puntando alla formazione, all’internazionalizzazione e al lavoro” spiega Berriola.

“Ho incontrato molti giovani con tante idee” ha commentato il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris a margine della visita ad OrientaSud. “E’ nostra intenzione – ha dichiarato il primo cittadino – mettere a disposizione dei giovani strutture del Comune che stiamo finendo di censire”.

Clara Albani, Direttrice dell’Ufficio di informazione del Parlamento europeo in Italia, ha spiegato ai giovani il principale obiettivo del Parlamento Europeo: incoraggiare mobilità, formazione, competitività, ricerca e circolazione delle best practies. “Il consiglio che darei a mio figlio? Studia quello che ti piace” il messaggio di Guido Trombetti, Assessore all’Università e alla Ricerca scientifica della Regione Campania intervenuto al convegno insieme a Giuseppe Zollo, Presidente di Campania Innovazione che ha affermato: “trovo una scarsa consapevolezza nei giovani dei propri talenti. Dovete chiedervi chi siete veramente e far leva sulle vostre competenze”.
Anche Donald Moore, Console generale degli Stati Uniti a Napoli, ha voluto portare i suoi saluti e il messaggio di entusiasmo per migliorare anche nei periodi difficili.

Le attività di OrientaSud – conferenze, convegni, workshop, colloqui individuali – continuano fino a giovedì 20.
Programma su corriereuniv.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il mercato del lavoro apre all’istruzione

Next Article

Ancora irregolarità nei test d’ingresso

Related Posts
Leggi di più

Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all'interno dell'istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.
Leggi di più

Gli studenti rispondono a Bianchi: “Vergogna, bugiardo”

Non tarda a farsi sentire la reazione degli studenti alle dichiarazioni del Ministro, che ha dichiarato ieri di voler costruire una riforma della scuola in maniera “affettuosa". I sindacati verso lo sciopero del 30 maggio contro il decreto 36