Curarsi con il fai da te

L’automedicazione è un affare serio. Affare nel senso più capitalistico del termine. Gli Italiani, tanto per avere un’idea, versano alle industrie farmaceutiche 413,62 euro l’anno a testa.

L’automedicazione è un affare serio. Affare nel senso più capitalistico del termine. Gli Italiani, tanto per avere un’idea, versano alle industrie farmaceutiche 413,62 euro l’anno a testa. Un tesoro ragguardevole per un sistema di megaimprese che cerca comunque, come tutte le oligarchie, di espandersi sempre di più. Così si spiega – in parte – il proliferare delle giornate dedicate alla sensibilizzazione medica, o la martellante pubblicità di prodotti per i quali è bene “leggere sempre il foglio illustrativo”.
E’, in pratica, una corsa all’insicurezza. Una fabbrica di malattie che ha, come prodotto finito, il mal comune intero gaudio per pochi. Corsa che parte da lontano: oltre trent’anni fa, infatti, Henry Gadsen, pensionando direttore di Merck, megaindustria delle medicine, disse: “Sogniamo di produrre farmaci per le persone sane”. Da allora, molta della vita dei cittadini è stata medicalizzata: l’invecchiamento, ad esempio, o la gravidanza, ma anche la crescita e – pure – la sessualità.
Scriviamo una proporzione: una recente ricerca svolta negli USA quantifica nel 3,9% dell’intera spesa sanitaria annuale l’impatto della medicalizzazione di situazioni non trattate fino a qualche decina di anni or sono come la timidezza, le disfunzioni erettili o la calvizie. Adesso, nella nostra proporzione sostituiamo il termine “Stati Uniti” con “Italia”. Il risultato di quel 3.9% fa 4 miliardi di euro. Potremmo spenderli meglio?

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La salute del fuorisede

Next Article

Architettura e Società

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".