Cuore in forma: una settimana di vacanza aiuta

cuore in forma

Cuore in forma. Anche solo una settimana di vacanze protegge il cuore, mentre rinunciare del tutto alle ferie provoca depressione e sollecita cuore e vasi, che cosi’ risultano piu’ fragili ed esposti a malattie come infarto e ictus. Secondo gli esperti riuniti in occasione del Congresso Nazionale dell’ANMCO (Associazione Medici Cardiologi Ospedalieri) in corso a Firenze, il mancato relax e la tensione che ne deriva aumentano il rischio di depressione e ansia e queste possono accrescere il pericolo di infarti e ictus, che sale anche perche’ il cuore e i vasi, se non si ”stacca la spina”, sono piu’ esposti a problemi cardiovascolari come ipertensione e aritmie.

Ma i cardiologi rassicurano: basta anche solo una settimana di vacanze per ridurre il rischio soprattutto per anziani o soggetti con due o piu’ fattori di rischio cardiovascolare che rinunciando alle ferie si esporrebbero a una maggiore probabilita’ di malattie ischemiche. La conferma arriva anche da uno studio svolto dal Servizio di Psicofisiologia Clinica del San Camillo-Forlanini di Roma, in collaborazione con la Cattedra di Psicofisiologia Clinica della Facolta’ di Medicina e Psicologia dell’Universita’ ”Sapienza” di Roma.

La ricerca condotta su 30 pazienti che avevano avuto un attacco di cuore dimostra che la tensione muscolare causata nel 61% dei casi da problemi socio-economici e isolamento sociale e nel 34% da difficolta’ lavorative e familiari, aumenta del 30 per cento il rischio di depressione e questa, a sua volta, accresce del 20 per cento la probabilita’ di malattie cardiovascolari come infarti e ictus

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università, Pif: "Lasciai perchè pagavo tasse per servizi che non c'erano"

Next Article

Sesso, il bondage fa bene alla salute mentale

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.