Cresce la disoccupazione in Italia. Allarme giovani: il 40 % è senza lavoro

disoccupazione

Cresce, nel secondo trimestre del 2013, la disoccupazione in Italia. Secondo i dati dell’Istat, il tasso di disoccupazione del secondo trimestre è salito al 12%, in crescita di 1,5 punti percentuali rispetto a un anno prima. Per gli uomini l’indicatore passa dal 9,8% all’attuale 11,5%; per le donne dall’11,4% al 12,8%.

Il numero dei disoccupati, pari a 3.075.000, è in ulteriore aumento su base tendenziale (13,7%, pari a +370.000 unità). L’incremento, diffuso su tutto il territorio nazionale, interessa in oltre la metà dei casi le persone con almeno 35 anni. Il 55,7% dei disoccupati cerca lavoro da un anno o più.

RECORD DISOCCUPAZIONE GIOVANILE – Brutte, bruttissime notizie per i giovani. Torna a salire il numero dei ragazzi tra i 15 e i 24 anni che cerca un lavoro: sono 635 mila e compongono il 10,6 % della popolazione nella fascia d’età considerata. Il tasso di disoccupazione in questo campo si attesta al 39,5 %, registrando un aumento dello 0,4 % rispetto al solo mese precedente. Il confronto con il dato dell’anno scorso è eclatante: + 4,3 %.

Nel secondo trimestre si accentua la diminuzione su base annua del numero di occupati (-2,5%): sono calati di 585.000 unita’. Il calo si concentra soprattutto nel Mezzogiorno (-5,4%, pari a -335.000 unita’). Al persistente calo degli occupati piu’ giovani e dei 35-49enni (rispettivamente -532.000 e -267.000 unita’) continua a contrapporsi la crescita degli occupati con almeno 50 anni (+214.000 unita’).

LAVORO STRANIERO – Prosegue la riduzione tendenziale dell’occupazione italiana (-581.000 unita’), mentre si arresta la crescita di quella straniera (-4.000 unita’). In confronto al secondo trimestre 2012, tuttavia, il tasso di occupazione degli stranieri segnala una riduzione di 3,5 punti percentuali a fronte di un calo di 1,2 punti di quello degli italiani.

INDUSTRIA – Nell’industria in senso stretto prosegue la flessione dell’occupazione, con una discesa tendenziale del 2,4% (-111.000 unita’), cui si associa la piu’ marcata contrazione di occupati nelle costruzioni (-12,7%, pari a -230.000 unita’). Per il secondo trimestre consecutivo, e a ritmi piu’ sostenuti, l’occupazione si riduce anche nel terziario (-1%, pari a -154.000 unita’).

FULL TIME – Non si arresta il calo degli occupati a tempo pieno (-3,4%, pari a -644.000 unita’ rispetto al secondo trimestre 2012), che in quasi meta’ dei casi riguarda i dipendenti a tempo indeterminato (-2,5%, pari a -312.000 unita’). Gli occupati a tempo parziale – come scrive l’Agi – aumentano in misura minore rispetto al recente passato (1,5%, pari a +59.000 unita’); peraltro la crescita riguarda esclusivamente il part time involontario.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il gene che ci allunga l'esistenza di 16 anni

Next Article

La service tax è contro i fuorisede

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.