Corte di Giustizia Europea cerca laureati italiani: stipendio da 5.600 euro al mese

La Corte di Giustizia Europea cerca Giuristi linguisti che possano tradurre documenti da e per l’italiano: in totale sono 52 i posti a disposizione; lo stipendio medio si aggira intorno ai 5.600 euro al mese.
L’Ufficio europeo di selezione del personale ha aperto un concorso per la creazione di graduatorie da cui attingere per l’assunzione di 52 laureati da impiegare nella figura di Giusti linguisti. I candidati selezionati dovranno tradurre i documenti prodotti e quelli destinati alla Corte di Giustizia europea e svolgere analisi giuridiche in collaborazione con le cancellerie dell’unione.
Requisiti indispensabili per partecipare alla selezione sono: la cittadinanza di un paese dell’UE; la laurea in giurisprudenza per la posizione di Giuristi linguisti in lingua italiana; formazione superiore in diritto bulgaro, spagnolo o francese per tutte le altre posizioni a concorso; l’ottima conoscenza della lingua oper la quale si presenta domanda, di una tra quelle ufficiali dell’Ente (inglese e francese) e di un’altra lingua tra quella spagnola, tedesca, danese, ungherese, italiana, lettone, neerlandese, polacca, svedese, ceca, greca, croata, portoghese, rumena, slovacca, slovena, bulgara o finlandese.
I posti a disposizione per i giuristi linguisti in lingua italiana sono 12; 10 quelli per la lingua bulgara; 15 per quella spagnola e altrettanti per la lingua francese.
Maggiori informazioni su quest’opportunità le potete trovare al sito ufficiale dell’Epso, da cui è possibile anche accedere al form online necessario per presentare domanda, oppure sul bando di concorso per 52 giuristi linguisti. La scadenza è fissata alle ore 12.00 del 23 giugno 2015.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Uruguay, festa universitaria finisce all'obitorio: cadaveri usati come poggia bicchieri

Next Article

Intervista a Il Volo: "Maturità? All'esame senza paura!"

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.