Corso di Arabo alle elementari: la scuola italiana si apre all’intercultura

arabo alle elementari

 

Corso di arabo alle elementari – A Treviso, nell’Istituto Comprensivo Coletti, lezioni di Lingua e Cultura araba per bambini tra i 7 i 10 anni. “Vogliamo lanciare un ponte tra culture diverse per costruire momenti d’incontro e, speriamo, di pace”

 

La scuola italiana sta diventando interculturale: non solo per la presenza in aula di tanti bambini figli di immigrati. Anche gli insegnamenti si stanno aprendo alle altre culture. Da oggi, infatti, alle elementari si potrà studiare l’arabo. Succede a Treviso, dove l’istituto Comprensivo Coletti ha attivato un corso di Lingua e cultura araba rivolto ai bambini della scuola primaria.

“Vogliamo lanciare un ponte tra culture diverse per costruire momenti d’incontro e, speriamo, di pace”. Ha dichiarato il professore ideatore del progetto.

Le lezioni di arabo inizieranno a metà ottobre e dureranno per tutto l’anno scolastico, si rivolgono agli studenti di terza, quarta e quinta elementare, sono facoltative e prevedono un impegno settimanale di quattro ore complessive. Dulcis in fundo il corso di arabo sarà completamente gratuito: a sovvenzionare le lezioni, infatti, che saranno organizzate in collaborazione con l’associazione InterMed Cultura, sarà il governo del Marocco.

“Il corso ha un duplice funzione – hanno spiegato i docenti responsabili del progetto – quella di avvicinare i bambini ad una cultura diversa dalla loro attraverso la conoscenza dell’alfabeto, delle tradizioni, dei costumi e dei cibi e di ravvivare la cultura dei tanti bambini arabi che frequentano le scuole del territorio”.

Una splendida iniziativa per accorciare le distanze, a cominciare da quelle presenti tra i banchi di scuola, e permettere ai bambini, italiani e non, di ampliare le loro prospettive.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un bollettino da 160 euro: benvenuti nella giungla delle tasse universitarie. "Un giro d'affari da 14 milioni di euro"

Next Article

Test medicina, è caos: il Codacons chiede alla Procura il sequestro delle prove

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident