Coronavirus, pagina web anti-bufale: iniziativa dell’Università di Cagliari

Troppe bufale pseudo complotti e indicazioni e informazioni contraddittorie sul coronavirus. Anche l’Università prova a fare chiarezza schierando sulla rete i suoi docenti. Risposte e commenti ai principali dubbi sono affidati, attraverso il portale dell’ateneo, proprio agli specialisti. “Abbiamo pensato che questo sia un momento particolare in cui anche la voce dei ricercatori ha e deve avere un peso specifico nitido e tempestivo” spiega la pro rettrice per la Ricerca scientifica, Micaela Morelli. La pagina denominata “La ricerca a portata di mano” ospita i contributi di Luciano ColomboCristina CabrasAldo Manzin, Vittorio Pelligra, Donatella Petretto, Marco Pistis ed Enzo Tramontano.

Focus su farmaci, vaccini, quarantena, stress, impatto sull’economia, risposte mediche, valutazioni epidemiologiche, percorsi e prospettive. “In questo periodo così difficile- continua Morelli- l’Università di Cagliari offre a docenti, studenti, personale tecnico amministrativo, ma anche a un pubblico più vasto, un servizio di aggiornamento scientifico sul tema della ricerca intorno al nuovo Coronavirus Sars-Cov-2 e alla malattia da esso causata, Covid-19. Il servizio, fruibile anche dai non esperti, mette a disposizione le ricerche scientifiche più rilevanti che riguardano questo tema”.

sardinapost

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coronavirus: Turchia chiude università per tutto il semestre

Next Article

NordVPN gratuito ai docenti delle università italiane

Related Posts

Università a lutto

Gli studenti napoletani hanno detto basta! Stanchi di non essere ascoltati, hanno preso una dura e necessaria posizione che si sta facendo largo in tutta la penisola: contrastare in ogni modo l’approvazione del Ddl Gelmini.
Leggi di più

Sigaretta elettronica: il nuovo verdetto

Gli esperti al momento sono ancora divisi sulla questione. Le sigarette elettroniche sono vendute come alternativa al fumo di tabacco : i componenti cancerogeni, che troviamo nel fumo tradizionale, sono assenti. Si ritiene che possano essere utilizzate per diminuire progressivamente il consumo di nicotina.