Coronavirus, pagina web anti-bufale: iniziativa dell’Università di Cagliari

Troppe bufale pseudo complotti e indicazioni e informazioni contraddittorie sul coronavirus. Anche l’Università prova a fare chiarezza schierando sulla rete i suoi docenti. Risposte e commenti ai principali dubbi sono affidati, attraverso il portale dell’ateneo, proprio agli specialisti. “Abbiamo pensato che questo sia un momento particolare in cui anche la voce dei ricercatori ha e deve avere un peso specifico nitido e tempestivo” spiega la pro rettrice per la Ricerca scientifica, Micaela Morelli. La pagina denominata “La ricerca a portata di mano” ospita i contributi di Luciano ColomboCristina CabrasAldo Manzin, Vittorio Pelligra, Donatella Petretto, Marco Pistis ed Enzo Tramontano.

Focus su farmaci, vaccini, quarantena, stress, impatto sull’economia, risposte mediche, valutazioni epidemiologiche, percorsi e prospettive. “In questo periodo così difficile- continua Morelli- l’Università di Cagliari offre a docenti, studenti, personale tecnico amministrativo, ma anche a un pubblico più vasto, un servizio di aggiornamento scientifico sul tema della ricerca intorno al nuovo Coronavirus Sars-Cov-2 e alla malattia da esso causata, Covid-19. Il servizio, fruibile anche dai non esperti, mette a disposizione le ricerche scientifiche più rilevanti che riguardano questo tema”.

sardinapost

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coronavirus: Turchia chiude università per tutto il semestre

Next Article

NordVPN gratuito ai docenti delle università italiane

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".