Coronavirus, ecco l'autocertificazione per viaggiare. Scarica il modulo

E’ importante chiarire che gli spostamenti devono essere effettuati a fronte di “comprovate esigenze”. Chi dichiara il falso può essere denunciato

Nella tarda serata di ieri il premier Conte, con una conferenza stampa straordinaria, ha annunciato nuove misure finalizzate al contenimento dei contagi da Covid-19, che da stamani sono ufficialmente in vigore. Sostanzialmente il provvedimento – ribattezzato “Io resto a casa” – allarga a tutto il Paese i provvedimenti restrittivi già in essere in Lombardia e altre 14 province del Nord, fino al 3 aprile 2020. A cui si aggiunge “un divieto degli assembramenti all’aperto e in locali all’aperto”. L’Italia diventa dunque un’unica zona protetta. In tutta la Penisola chiuse scuole, palestre e impianti sportivi. Si fermano la Serie A, le manifestazioni sportive in genebre e gli impianti di sci. Rimandati matrimoni e funerali, gli accessi ai supermercati saranno contingentati. I bar e i ristoranti, aperti fino alle 18, devono garantire la distanza di almeno un metro fra gli avventori: pena multe o sospensione delle licenze. 

I viaggi
Stop agli spostamenti in tutto il Paese, a meno che siano motivati da esigenze specifiche ( per cui si rende necessaria un’autocertificazione per “lavoro”, “salute” e altre comprovate “necessità”, vedi la spesa di generi alimentari). Anche i viaggi sui treni, per esempio, dovranno essere giustificati.

Il modulo di autodichiarazione

Veniamo ora al modulo di autocertificazione, necessario per tutti i cittadini che si trovano nelle condizioni di dover necessariamente affrontare spostamenti. E’ stato chiarito, esattamente come valeva per la Lombardia e le altre 14 province del nord dall’8 marzo, che “va evitato ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita, nonché all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o per motivi di salute“. Da domani, per muoversi in tutta Italia, è dunque necessario esibire un’autodichiarazione. 

Scarica il modulo pdf

Il modulo si può scaricare anche dal sito del Viminale e va compilato ed esibito al momento del controllo. E’ importante chiarire che “la veridicità dell’autodichiarazione potrà essere verificata anche con successivi controlli”. In caso dovesse emergere che gli spostamenti non siano stati effettuati a seguito delle “comprovate esigenze” scatterà la denuncia per inosservanza di un provvedimento dell’autorità che prevede l’arresto fino a tre mesi e una denuncia per reati dolosi contro la salute pubblica. Le persone che si trovano sottoposte ad obbligo di quarantena non potranno invece lasciare la loro dimora. Coloro che hanno dai 37,5 di febbre in su devono limitare i contatti sociali e prendere contatto con il proprio medico o con i numeri indicati per l’emergenza: non recarsi al Pronto Soccorso.

Treni e aerei

Il Viminale chiarisce inoltre che: “Per quanto concerne il trasporto ferroviario, la Polizia ferroviaria curerà, con la collaborazione del personale delle ferrovie dello Stato, delle autorità sanitarie e della Protezione civile, la canalizzazione dei passeggeri in entrata e in uscita dalle stazioni al fine di consentire le verifiche speditive sullo stato di salute dei viaggiatori anche attraverso apparecchi “termoscan”. Inoltre saranno attuati controlli sui viaggiatori acquisendo le autodichiarazioni. Negli aeroporti delle aree dei territori “a contenimento rafforzato”, i passeggeri in partenza saranno sottoposti al controllo, oltre che del possesso del titolo di viaggio, anche della prescritta autocertificazione. Analoghi controlli verranno effettuati nei voli in arrivo nelle predette aree. Restano esclusi i passeggeri in transito”.

quotidiano.net

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coronavirus, spostamenti e divieti: cosa si può fare e cosa no

Next Article

Coronavirus: smart working, classi virtuali, didattica a distanza. Suggerimenti e risorse

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.