Coronavirus: CoVisions-19, le foto degli studenti di Unito

Da isolamento può nascere arte, progetto dell’ateneo

Dall’isolamento può nascere l’arte. È l’idea che sta alla base del progetto fotografici CoVisions-19, realizzato nell’ambito del corso di Storia e teoria della fotografia, tenuto dalla professoressa Roberta Basano al Dams dell’Università di Torino. Agli studenti del corso, costretti a seguire le lezioni da casa in seguito all’emergenza Coronavirus, è stato chiesto di realizzare fotografie che rispondessero a una parola chiave: lsolamento.
    L’obiettivo è quello di ragionare sulle possibilità comunicative della fotografia e sul suo linguaggio, stimolando la creatività e superando i limiti fisici della solitudine. Tutte le 203 fotografie, realizzate da 72 studenti, sono state caricate sulla pagina Instagram @covisions_19 e mostrano come un momento di frustrazione possa essere usato per creare arte. Al tema iniziale dell’isolamento ne seguiranno altri nei prossimi giorni, come lontananza, sospensione, tempo e quotidiano.
    “Il mio obiettivo non era quello di scoprire giovani talenti – spiega Basano – ma stimolare gli studenti a ragionare sulla potenzialità della fotografia e spingerli a sviluppare una sorta di creatività di sopravvivenza. La loro risposta entusiasta, il loro impegno nella realizzazione del progetto e la loro disponibilità a mettersi in gioco confermano come la creatività possa superare i limiti fisici dell’isolamento”.
    (ANSA).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Locazioni, gli studenti universitari sono quasi il 10% degli inquilini

Next Article

“Adozione digitale”, lasciate il wi-fi aperto per aiutare gli studenti

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".