Coronavirus: 20Mila assunzioni nella Sanità, ecco il Decreto

In arrivo nuove assunzioni nel settore sanitario per gestire l’emergenza legata alla diffusione del Coronavirus.

E’ entrato in vigore il decreto legge che autorizza l’inserimento di circa 20Mila risorse per rafforzare il Servizio sanitario nazionale e far fronte alle esigenze straordinarie ed urgenti derivanti dalla diffusione del virus COVID-19.

Le assunzioni saranno a tempo determinato e non avverranno tramite le classiche procedure con bando di concorso pubblico perché richiederebbero tempi troppo lunghi.

Ecco tutte le informazioni sui posti di lavoro nella Sanità da coprire e il testo ufficiale del Decreto.

CORONAVIRUS ASSUNZIONI NEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

E’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.62 del 09-03-2020, il decreto legge 9 marzo 2020, n. 14, recante ‘Disposizioni urgenti per il potenziamento del Servizio sanitario nazionale in relazione all’emergenza COVID-19’. Il provvedimento legislativo, in vigore a partire dal 10 marzo, prevede lo stanziamento di ben 660 milioni di euro per l’anno 2020 che serviranno alla copertura, stando alle stime, di circa 20Mila posti di lavoro nel settore sanitario.

Si tratta di assunzioni urgenti che si rendono necessarie per fronteggiare l’emergenza epidemiologica relativa alla diffusione del Coronavirus. L‘art. 1 del decreto, infatti, prevede misure straordinarie per l’assunzione degli specializzandi e per il conferimento di incarichi di lavoro autonomo a personale sanitario. Al finanziamento previsto accedono tutte le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano.

FIGURE PROFESSIONALI

Dunque le aziende e gli enti del SSN sono autorizzate ad effettuare direttamente nuove assunzioni di infermieri, medici, operatori socio sanitari, tecnici di laboratorio e altre figure necessarie per garantire l’assistenza sanitaria e incrementare i posti letto per la terapia intensiva e sub intensiva, necessari per la cura dei pazienti contagiati dal Coronavirus.

INSERIMENTI AUTORIZZATI E CONTRATTO DI LAVORO

Il dlgs 14/2020 autorizza, nello specifico, le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale a:

  • reclutare le professioni sanitarie e medici specializzandi, iscritti all’ultimo e al penultimo anno di corso delle scuole di specializzazione, conferendo incarichi di lavoro autonomo, anche nella forma della collaborazione coordinata e continuativa, di durata non superiore a 6 mesiprorogabili in base alle necessità legate all’emergenza COVID-19, fino al 2020. Il periodo di attività svolto dai medici specializzandi sarà riconosciuto ai fini del ciclo di studi per il conseguimento del diploma di specializzazione;
  • procedere alle assunzioni di cui all’articolo 1, comma 548-bis, della legge 30 dicembre 2018, n. 145.

Gli incarichi di lavoro, nell’ambito del piano assunzioni Coronavirus, possono essere conferiti anche ai laureati in Medicina e Chirurgia abilitati all’esercizio della professione medica e iscritti agli ordini professionali, compresi i cittadini stranieri.

Il provvedimento, inoltre, prevede la possibilità per le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano di conferire incarichi di lavoro autonomo, di durata non superiore a 6 mesi, ed entro il termine dello stato di emergenza, a personale medico e infermieristico collocato in quiescenza, anche se non iscritto all’albo professionale dato il collocamento a riposo, nel caso in cui non sia possibile reperire il personale necessario da assumere anche ricorrendo agli idonei in graduatorie in vigore.

DECRETO ASSUNZIONI SANITA’

Per ulteriori informazioni mettiamo a vostra disposizione il testo integrale da scaricare del DECRETO LEGGE 9 marzo 2020, n. 14 (Pdf 72Kb).

ticonsiglio

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tfa sostegno 2020, arrivano le proroghe di scadenza delle Università

Next Article

Coronavirus, la scuola non si ferma. Tutte le iniziative per la didattica digitale

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.