Coppie stabili, insieme per vizio

loc-coppie-p.jpgCome giudicare se un matrimonio durerà? Secondo una ricerca australiana non contano tanto fattori prevedibili come livelli di istruzione compatibili o simili interessi religiosi, quanto i ‘vizi’ (o la loro assenza): in particolare fumo e alcool. Lo studio dell’Università nazionale di Canberra, presentato alla conferenza dell’Australian Population Association, indica che le coppie in cui entrambi fumano oppure non fumano, o consumano quantità simili di alcool, hanno molte meno probabilità di separarsi.
I ricercatori, guidati dalla demografa Rebecca Kippen, hanno studiato le relazioni e le caratteristiche di quasi 2.500 coppie fra il 2001 e il 2007. Fra i fattori che più conducono al fallimento dei matrimoni, vi sono: la differenza di età, il desiderio o meno di avere figli e le esigenze di lavoro.
La probabilità di divorzio è due volte maggiore quando l’età del marito supera di 9 anni o più quella della moglie, oppure quando il marito è più giovane di due anni o più. Si raddoppia il rischio di separazione anche quando la moglie ha un desiderio assai più forte di avere figli.
I fattori dominanti risultano però essere il bere e il fumare. Se una persona fuma e l’altra no, il rischio di separazione aumenta del 75-90% rispetto a coppie di non fumatori. Simile rischio se la moglie beve molto più del marito, ma la ricerca non esamina le cause del consumo di alcool. «È possibile che la moglie beva perché il matrimonio va male», osserva la dottoressa Kippen.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Guida - Professioni Sanitarie Una laurea al passo coi tempi

Next Article

Guida alla Scelta - Psicologia Le strade dei "laureati della mente"

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".