Contribuisci ad un “Mondo senza frontiere” con un progetto di volontariato in Ucraina!

Diventa insegnante in scuole o campi estivi e promuovi un ambiente multiculturale ed inclusivo.
L’estate è ormai alle porte, ma sei ancora in difficoltà nel decidere cosa fare? Scegli un progetto di volontariato in Ucraina: ti immergerai in una nuova cultura, lasciando un impatto positivo sui bambini e sul mondo!
Con il progetto “World without borders”, volerai a Kiev, Ucraina, dal 28 Giugno al 9 Agosto, e contribuirai all’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile n.4: Istruzione di Qualità. Lavorerai infatti in scuole o centri estivi a contatto con bambini ucraini e preparando attività di insegnamento innovative ed interattive, con lo scopo di aprire i ragazzi a nuove culture e mentalità.
Le attività principali di cui ti occuperai saranno:
– Preparare e condurre lezioni, workshop, o attività ludiche
– Organizzare insieme a bambini attività che presentino la loro cultura
– Tenere un reportage dell’esperienza da poter presentare a fine progetto
Il costo di partecipazione per il programma Global Volunteer è di 300 euro. L’alloggio e i pasti sono previsti nella quota di partecipazione.
Scadenza candidature: 7 Giugno 2019
Per essere contattato da un nostro responsabile iscriviti al sito bit.ly/Volontariatointernazionale (non vincolante).
AIESEC è il network internazionale di giovani più grande al mondo, presente in più di 120 Paesi e Territori. Il nostro obiettivo è quello di organizzare esperienze di volontariato internazionali (Global Volunteer) che permettano tutti i ragazzi giovani dai 18 ai 30 anni di mobilitarsi e mettersi in gioco per lasciare il loro impatto nella società.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Preside si toglie la vita alla vigilia dello sciopero contro di lui

Next Article

PhD Day dell’Università di Parma, la cerimonia di proclamazione dei Dottori di ricerca

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.