Contratti stagionali in vista del Natale

Satur, il gruppo specializzato nella vendita di articoli da regalo, per la casa e complementi d’arredo ha dato al via alle ricerche di personale di vendita stagionale in occasione dell’avvicinarsi del Natale.
Per la precisione la richiesta ammonta a una ventina di giovani da inserire con contratto a tempo determinato della durata di due mesi. L’attività lavorativa inizierà a partire dalla metà del mese di ottobre.
Il profilo ricercato è il seguente: scaffalisti e magazzinieri, d’età preferibilmente non superiore ai 29 anni e meglio se con esperienza nel settore. I candidati ideali si devono dimostrare affidabili e pronti a vivere i ritmi della distribuzione organizzata.
L’orario di lavoro sarà sicuramente full time e ai prescelti sarà richiesta la disponibilità di lavorare anche durante i festivi. Inoltre, dopo il periodo stagionale, ai migliori potrà essere proposto un altro contratto o un inserimento definitivo.
Le sedi di lavoro sono localizzate tra Roma e provincia (Mentana, Tivoli, Ostia, Pomezia e Guidonia) e nello store di Viterbo.
Le candidature si possono inviare al seguente indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

352 borse per tirocini all'estero dall'Erasmus placement

Next Article

L'UNISU e il VCV Video Curriculum Vitae

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.