Concorsone: questa sera sul sito del ministero i 3500 quesiti

Saranno resi pubblici alle ore 20 di questa sera sul sito del ministero dell’Istruzione i 3.500 quesiti del “concorsone” per il personale docente indetto dal governo. Finalmente i 321mila candidati potranno visionare le domande reali che andranno poi a formare la griglia di 50 quesiti nei test del 17 e 18 dicembre.

 Il ministero ha messo a disposizione anche una piattaforma online che dà la possibilità di esercitarsi, con un pacchetto di 70 sistemi da 50 quesiti ognuno. Il sistema prevede domande sempre nuove ed è formato da 18 domande di logica, 18 di comprensione del testo, 7 di lingua straniera e 7 sulle competenze digitali.

 Ai candidati, dunque, restano solo una ventina di giorni per prepararsi alla prima prova, che darà loro diritto di accedere al concorso vero e proprio. Per superare la prova occorre unpunteggio minimo di 35 su 50. Ogni risposta esatta vale un punto, un errore vale mezzo punto in meno e una domanda lasciata in bianco non incide sul risultato finale.

Il sito del ministero dell’Istruzione renderà note anche le sedi delle scuole nelle quali il test verrà svolto, suddivise regione per regione.

 Tutte le informazioni disponibili su  https://www.istruzione.it/

 

R.N. 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Chi, quando e dove: la settimana degli eventi a Milano

Next Article

Calmierare i premi assicurativi e ridurre le responsabilità mediche: Aogoi in audizione alla Camera

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.