Concorso scuola secondaria, pubblicate le date delle prove: si parte il 14 marzo

Si terranno dal 14 marzo al 13 aprile le prove per il nuovo concorso per le scuole secondarie di I e II grado indetto dal Ministero dell’Istruzione. L’organizzazione avverrà su base regionale.

Marzo e aprile: si svolgeranno durante l’arco di questi due mesi le prove scritte per il Concorso ordinario per il reclutamento del personale docente per i posti comuni e di sostegno della Scuola secondaria di I e di II grado. Sono state, infatti, pubblicate sul sito del Ministero dell’Istruzione le date dei concorsi che quindi prenderanno il via tra meno di un mese.

Nel dettaglio le prove si svolgeranno nei giorni 14, 15, 16, 17, 18, 21, 22, 23, 24, 25, 28, 29, 30, 31 marzo e 1, 4, 5, 6, 7, 8, 11, 12, 13 aprile 2022. I concorsi saranno sostenuti nella regione per la quale le candidate e i candidati hanno presentato domanda di partecipazione, e nelle sedi individuate dagli Uffici Scolastici Regionali competenti per territorio. Le classi di concorso non calendarizzate saranno oggetto di successive comunicazioni.

“Ora bisogna mantenere la cadenza annuale dei concorsi, perché i nostri insegnanti hanno un’età
accentuata. Entro giugno avremo la norma sul reclutamento dei docenti – ha detto Patrizio Bianchi, ministro dell’Istruzione, a margine dell’incontro a Bologna sull’educazione dei bambini tra zero e sei anni – Lo scorso febbraio abbiamo messo in movimento quello che ci si attendeva – ha proseguito Bianchi – Abbiamo fatto un concorso straordinario assumendo 60mila docenti, poi la parte delle scuole secondarie che riguarda la Stem e ora con il concorso ordinario completiamo l’opera”.

“Sono lieta del fatto che oggi sia giunta una notizia attesissima da tutto il mondo della scuola. Finalmente sono state pubblicate, sul sito del Ministero dell’Istruzione, le date delle prove per il concorso ordinario scuola secondaria. Le prove si terranno dal 14 marzo al 13 aprile e coinvolgeranno migliaia di candidati. A tutti il più sincero in bocca al lupo, la scuola italiana ha estremo bisogno della loro competenza e del loro entusiasmo” ha commentato la sottosegretaria all’Istruzione Barbara Floridia.

“L’ingresso di nuove forze nel corpo docente della scuola pubblica italiana attraverso il concorso ordinario ha da sempre rappresentato un nostro obiettivo primario e possiamo dire che è stato raggiunto” invece il commento delle esponenti e degli esponenti del Movimento 5 Stelle nelle commissioni Istruzione al Senato e alla Camera.

LEGGI ANCHE:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La scuola (per ottici) dei record: zero classi in quarantena dal 2020 ad oggi. "Merito di sanificatori d'aria e termoscanner con allarme"

Next Article

Non solo tristezza e depressione: per uno studente inglese su tre il lockdown è stato un periodo felice

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident