Concorso per titoli per graduatorie nazionali docenti nelle Istituzioni AFAM

Il MIUR ha aperto un bando per Docenti, per la formazione di graduatorie nazionali da cui attingere per assunzioni nelle Istituzioni AFAM – Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica. L’avviso, pubblicato sulla GU n.70 del 04-09-2018, prevede una selezione per soli titoli.
I candidati che risulteranno idonei potranno essere assunti, mediante contratti di lavoro a tempo indeterminato e determinato, presso gli Istituti di alta formazione artistica, musicale e coreutica.
Gli elenchi per l’attribuzione degli incarichi professionali stilati in seguito al concorso MIUR saranno utilizzati in subordine alle vigenti graduatorie nazionali per titoli e alle graduatorie nazionali di cui all’articolo 19, comma 2, del decreto legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128. Le nuove graduatorie di Insegnanti previste dal bando AFAM 2018 saranno costituite in base a quanto previsto dall’articolo 1, comma 655, della legge di bilancio 27 dicembre 2017, n. 205. Le eventuali assunzioni saranno effettuate nel rispetto dei limiti dei posti in organico vacanti disponibili per il personale docente delle Istituzioni statali dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica.
Possono partecipare al concorso AFAM per la formazione delle graduatorie di Docenti i candidati in possesso dei seguenti requisiti generali:
– non essere titolari di contratto a tempo indeterminato nelle Istituzioni statali di cui all’articolo 1 della legge 21 dicembre 1999, n. 508 (Accademie di belle arti, Accademia nazionale di danza, Accademia nazionale di arte drammatica, Istituti superiori per le industrie artistiche – ISIA, Conservatori di musica e Istituti musicali pareggiati);
– aver superato un concorso selettivo ai fini dell’inclusione nelle graduatorie di Istituto per il settore artistico disciplinare e la fascia per i quali presentano domanda;
– aver maturato almeno 3 anni accademici di insegnamento, anche non continuativi, presso gli Istituti statatli AFAM, tra il 1° novembre 2010 e il 31 ottobre 2018, nei corsi previsti dall’articolo 3 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 8 luglio 2005, n. 212, e nei percorsi formativi di cui all’articolo 3, comma 3 del regolamento di cui al decreto MIUR 0 settembre 2010, n. 249;
– non essere già inseriti in graduatorie nazionali per titoli o in quelle di cui all’articolo 19, comma 2, del decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, utili per le assunzioni a tempo indeterminato e determinato nelle Istituzioni dell’alta formazione artistica musicale e coreutica, per il medesimo settore artistico disciplinare e medesima fascia, eccetto che nel caso di dichiarazione di voler decadere dalle stesse o dell’inserimento con riserva dell’esito del contenzioso;
– cittadinanza italiana o di un Paese membro dell’UE;
– età minima di 18 anni e non superiore a quella prevista per il collocamento a riposo d’ufficio;
– godimento dei diritti civili e politici;
– non essere stati esclusi dall’elettorato attivo;
– non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, o dichiarati decaduti da un impiego pubblico per averlo conseguito producendo documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile.
 
Per tutti i dettagli relativi ai requisiti richiesti si rimanda a quanto specificatamente indicato nel BANDO di concorso AFAM. La scadenza è il giorno 4 Ottobre 2018.

Total
0
Shares
2 comments
  1. Chi ha insegnato 3 anni negli Istituti musicali pareggiati es quello di Aosta,può partecipare al bando??
    Perché l’istituto non compare negli elenchi all’interno della domanda.
    Vi chiedo gentilmente una risposta
    Gz mille

Lascia un commento
Previous Article

Premio di laurea ANESV per tesi sui luna park e i parchi divertimento

Next Article

E’ aperto il Bando per il Servizio Civile Nazionale in AISM

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident