Concorso nazionale Filosofia per l'umanita Philosophy for Humans

Il Concorso promuove tra i giovani la riflessione filosofica su cittadinanza globale e convivenza civile pacifica democratica tra le diverse culture del nostro pianeta nella consapevolezza dell’unita fisica e intellettuale della specie umana
Nell’ambito del vigente Protocollo d’Intesa La pratica filosofica come opportunità di apprendimento per tutti, la Direzione Generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione del MIUR e il Centro di Ricerca sull’Indagine Filosofica, CRIF, promuovono la II edizione del Concorso nazionale Filosofia per l’umanità – Philosophy for Humans, P4H, Ragioniamo insieme su unità e diversità umana per l’anno scolastico 2019-2020, concernente l’uso della pratica filosofica di comunità per l’indagine e la riflessione su cittadinanza globale e convivenza civile, pacifica e democratica.

Sono invitati a partecipare gli alunni della primaria, gli studenti della scuola secondaria di primo e di secondo grado degli istituti scolastici italiani, statali e paritari, delle scuole italiane all’estero, statali e paritarie, delle sezioni italiane presso le scuole straniere e internazionali, comprese le Scuole Europee, dei Centri Provinciali per l’Istruzione degli Adulti (CPIA).
L’intento dell’iniziativa è stimolare i giovani a una lettura filosofica di natura pratico riflessiva di conoscenze e atteggiamenti che inducono a stabilire rapporti positivi e dinamici tra le culture, nella consapevolezza che nostra specie umana conserva la sua unità fisica e intellettuale pur nella diversità degli aspetti peculiari di ciascuna comunità sul nostro pianeta.
Sui temi in oggetto, si raccomandano gli elementi comuni contenuti tra gli altri nei seguenti documenti: Costituzione della Repubblica italiana; Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea; Dichiarazione Universale dei Diritti Umani; Dichiarazione dei diritti del fanciullo; Educazione alla Cittadinanza Globale. Temi e obiettivi di apprendimento; Manifesto sulla Diversità e sull’Unità Umana,2018.
Con un approccio che affronti la complessità dell’argomento in maniera trans-disciplinare, cercando di integrare cultura umanistica e scientifica attraverso un uso trasversale dell’esercizio filosofico, si chiede di approntare dialoghi per un Manifesto dei Giovani sulla Diversità e sull’Unità Umana: scrittura creativa a tema per la strutturazione di un curricolo verticale fatto di brevi racconti in forma dialogica scritti da bambini, ragazzi, adulti destinati ai loro coetanei, articolato per fasce d’età, ordine e grado scolastico, o lifelong learning, finalizzato allo svolgimento di iniziative di educazione alla cittadinanza.
L’idea è incoraggiare la riflessione compartecipata sui valori di base della società globale, che pongono al centro dell’attenzione modalità d’interazione civile e culturale inclusive fatte di libertà, rispetto, tolleranza; e, al tempo stesso, di sicurezza e giustizia.
La partecipazione al Concorso è gratuita, collettiva, non individuale. Modalità di partecipazione, svolgimento del concorso, consegna dei materiali e premiazione sono presenti nel Regolamento del Concorso, qui allegato.
L’iscrizione al Concorso va fatta entro e non oltre il 31 dicembre 2019 inviando la scheda di iscrizione allegata al presente presente bando (Allegato A)
ALLEGATO A Scheda di iscrizione
ALLEGATO B Griglia di documentazione
Circolare Filosofia per l’Umanita
Regolamento
 
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Record per la quarta edizione dei Fuoriclasse della scuola

Next Article

Concorso ordinario secondaria, il requisito “laurea + 3 tre anni di servizio” è stato cancellato

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.