Concorso di fotografia per gli appassionati

Schermata 2013-01-24 a 16.06.06

L’International Labour Organization (ILO) ha indetto un concorso fotografico dal titolo “Work4Youth”, destinato ai professionisti ma anche a tutti gli amanti della fotografia.

Il tema del photo contest è il lavoro in tutte le sue declinazioni.

Le fotografie che parteciperanno dovranno avere come soggetto principale i giovani al lavoro e dovranno mettere in evidenza le loro sfide quotidiane.

Tra gli argomenti possibili – le condizioni dei lavoratori sfruttati, le barriere di genere, la discriminazione, la migrazione e il precariato.

E’ possibile presentare un numero massimo di 5 foto, inviando le proprie opere, entro il 15 aprile 2013, all’indirizzo mail: [email protected].
Per partecipare, è necessario essere maggiorenni.

Tutte le fotografie devono essere accompagnate da una liberatoria dei soggetti ritratti, devono essere in formato digitale ma non potranno essere state ritoccate con alcun programma. Indispensabile, inoltre, segnalare il proprio nome e il titolo del soggetto trattato.

Le opere saranno giudicate da una giuria in base all’originalità, alla coerenza con gli obiettivi del concorso e alla qualità dell’immagine.

Per ulteriori informazioni, si rinvia al bando.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Si chiama Sofia, studia legge ed è già considerata la Belen italiana

Next Article

Napoli, contratto di 12 mesi nel settore biofarmaceutico

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.