Compito in classe da 1, adesso la professoressa che ha postato la foto sui social rischia la sospensione

E’ finita nella bufera la docente che aveva postato su Facebook la foto del compito in classe di un suo alunno a cui aveva dato 1 di voto. La preside della scuola dove la prof insegna ha avviato un’indagine interna e per lei presto potrebbe scattare un provvedimento disciplinare. “Attività scolastica deve essere distinta da quella personale raccontata sui social network”.

Rischia la sospensione la professoressa dell’istituto tecnico “De Nicola” di Piove di Sacco, in provincia di Padova, che ha postato sui social la foto del compito in classe di un suo alunno a cui aveva dato il voto 1. Anche se il post è stato rimosso dopo le prime proteste da parte di chi ha fatto notare alla docente che si trattava di gesto che avrebbe gettato ancora più discredito nei confronti dello studente, lo screenshoot del disastroso compito in classe ha fatto il giro del web raccogliendo indignazione.

“Stiamo avviando una indagine interna per valutare le responsabilità disciplinari” ha spiegato Caterina Rigato, preside dell’Istituto tecnico dove la docente insegna, che ha ammesso di non condividere la scelta di pubblicare il compito sui social, pur non criticando il voto basso, per il quale si affida al giudizio nel merito della docente. “Quanto alla sospensione – afferma – non è la scuola a decidere, ma il provveditorato”.

Tuttavia sarà la scuola a scrivere una relazione da sottoporre al provveditore e da quel documento l’ufficio amministrativo scolastico provinciale prenderà le mosse per eventuali sanzioni. “Attendiamo che la scuola ci dia indicazioni chiare su che cosa è successo – aggiunge il provveditore di Padova, Roberto Natale – .In generale posso dire che non è bene sovrapporre il piano professionale con quello personale, i social sono uno strumento personale, noni si possono diffondere informazioni legate al lavoro, questo vale per la scuola e vale per tutti gli altri lavori”.

LEGGI ANCHE:

Total
6
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studenti e docenti dell'Università di Mosca contro Putin: "Siamo con gli ucraini"

Next Article

Pistole a scuola, in aula selfie e video tra le studentesse

Related Posts
Leggi di più

Elezioni, come si vota domenica 25 ed evitare di sbagliare

Le schede elettorali del 25 settembre, quella rosa per la Camera, la gialla per il Senato. Si vota tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso vale anche ai fini dell'elezione del candidato nel collegio uninominale e a favore della lista nel collegio plurinominal.