Come contrastare il fenomeno dei NEET? I giovani a teatro imparano a orientarsi

life coach

Un centro per i Neet, uno spettacolo di beneficenza per parlare del difficile rapporto tra genitori e figli, e delle situazioni nella crescita dei giovani. Si è svolto ieri l’incontro “Genitori oggi: dall’autorità perduta all’educazione creativa” al Teatro San Paolo di Roma che ha visto coinvolti i coach di Aicp Italia e molti protagonisti giovani.

Sperimentazioni, domande, nuove tecniche educative: sono stati questi i punti salienti dello spettacolo promosso dal coach Luca Santichieri che ha portato sul palco anche diversi ragazzi vittime di bullismo narcisista nell’ambito scolastico.

Anche il Corriere dell’Università c’era, e ha voluto intervistare Angela Mammana, Life e Teen Coach di Aicp Italia. Al centro del discorso il nuovo progetto, chiamato Future Lab, che si propone di lavorare per i Neet ( i giovani che non studiano né lavorano), il cui numero in Italia sta crescendo sempre di più.

“L’idea del centro nasce dal lavoro decennale di Luca Stanchieri  e della Scuola Italiana di Life e Corporate Coaching con adolescenti e genitori in tutta Italia.  La domanda di coaching da parte delle famiglie è crescente, in quanto viviamo in un periodo storico di forti cambiamenti, in cui alcuni paradigmi sono saltati e la famiglia primo nucleo educativo e di formazione della persona si trova ad affrontare sfide  sempre più complesse”.

“Le problematiche scolastiche sono diventate causa di forti conflitti tra genitori e figli, i ragazzi si trovano di fronte infiniti stimoli ma spessissimo non hanno progetti di vita anzi il futuro è fonte di preoccupazione – continua la Mammana. Davanti alla complessità si rinuncia. Il coaching punta alla realizzazione, fa emergere dalla creatività della persona e dalle sue potenzialità le risposte a tutto ciò. Nel centro si può trovare un team di Coach che lavora in modo parallelo e integrato con genitore e figli. La novità del Centro sta nell’approccio alla persona, si guarda alle potenzialità anziché alla patologia, si sviluppano i punti di forza, le competenze, relazioni forti. L’obiettivo è allenare gli adolescenti , far emergere il loro progetto di vita e felicità per contrastare il fenomeno sempre più diffuso dei NEET (giovani che non studiano e non lavorano)”.

 Ma lavorando con i giovani cosa colpisce maggiormente un coahc? “Ci sono due grandi potenzialità che accomunano gli adolescenti – racconta Mammana- : “la capacità d’amare” e “ l’integrità”, questo risuona forte fin dal primo momento in cui li incontro!”.

E questi ragazzi hanno ancora un sogno nel cassetto? “I loro sogni vanno ricercati, esplorati, spessissimo il sogno-progetto di vita è proprio obbiettivo ultimo del percorso di coaching”.

Tornando allo spettacolo, perché si è scelta la forma del teatro? “Il teatro è un luogo in cui da sempre si è trasmessa conoscenza… in particolare si utilizza l’ironia e la sdrammatizzazione per parlare di temi e dinamiche che normalmente appesantiscono la famiglia, per uscire fuori dal dramma e guardare insieme le situazioni e le relazioni con nuove chiavi di lettura”.

Giovani che non studiano e non lavorano. Ma com’è possibile contrastare concretamente questo fenomeno? “Il centro nasce in particolar modo per contrastare il fenomeno dei NEET, tanti degli adolescenti da noi seguiti lo sono o lo sono stati. Sosteniamo che la rinuncia e lo scoraggiamento dei NEET sia anch’essa una modalità di “rivolta passiva”, bisogna trovare la giusta leva per trasformare la passività in attività, la rinuncia in rilancio. Questo è possibile allenando la “speranza” come capacità progettuale e di raggiungimento degli obiettivi attraverso l’utilizzo delle potenzialità personali”.

Raffaele Nappi

Foto di Valeria Buccilli

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

In viaggio con Orientacruise, lungo i mari dell'orientamento: "Un progetto innovativo"

Next Article

Fuga dei diplomati dall'Università

Related Posts
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.