Come as you are

Pubblicità come veicolo di una società, in cui l’amore non è appannaggio della “casta” eterosessuale. Obiettivo commerciale senza dubbio, ma che contribuisce a diffondere un messaggio “diverso”, inteso nell’accezione di normalità della diversità. McDonald’s ha rilasciato la sua prima réclame in Francia palesemente rivolta al mondo gay Come as you are che mostra un giovane gay che trascorre del tempo in un Mac con il proprio padre che non è al corrente dell’orientamento sessuale del figlio

Pubblicità come veicolo di una società, in cui l’amore non è appannaggio della “casta” eterosessuale.  Obiettivo commerciale senza dubbio, ma che
contribuisce a diffondere un messaggio “diverso”, inteso nell’accezione di normalità della diversità.
McDonald’s ha rilasciato la sua prima réclame in Francia palesemente rivolta al mondo gay Come as you are che mostra un giovane gay che trascorre del tempo in un Mac con il proprio padre che non è al corrente dell’orientamento sessuale del figlio.
Lo spot ha provocato immediate reazione in Internet: da parole di stima e approvazione per lascelta comunicativa (e di valenza sociale) della multinazionale a commenti critici.
Sul sito dell’asta virtuale polacca www. allegro. pl, troviamo un banner, apertamente rivolto al “target” lesbico, per pubblicizzare la vendita di camere fotografiche: “Dipendono da te, le foto delle vacanze”?
Spunti per riflettere e sospingere la società verso una condivisione totale, scevra di ogni forma di discriminazione.
Video disponibile su You tube

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Quanto fumo! E l’arrosto?

Next Article

Ancora 6 posti per Master Around

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".