Colloquio di lavoro: alcuni suggerimenti

colloquio di lavoro suggerimenti

“Non c’è mai una seconda occasione per fare una buona impressione la prima volta” Oscar Wilde Fate tesoro di queste parole! Non avrete una seconda possibilità per dimostrare di essere la persona giusta. Un buon colloquio, quindi, va preparato con molta cura.

Ecco alcuni suggerimenti per il colloquio di lavoro:


“STUDIARE” L’AZIENDA

Prima di un colloquio non bisogna mai dimenticarsi di acquisire il maggior numero di informazioni sull’azienda che vi ha contattati. Usate il sito, i social network o qualsiasi altro mezzo che vi permetta di conoscere la sua struttura, il settore in cui opera e la filosofia aziendale. Questo vi permetterà sia di capire se quell’azienda è l’azienda giusta per voi, sia di mostrarvi preparati durante la selezione.

PREPARATE IL VOSTRO DISCORSO

Simulate una presentazione di voi stessi. Mettete in luce le vostre caratteristiche professionali, le vostre competenze. Portate a supporto degli esempi. Tutto al fine di mettere in risalto le motivazioni per le quali siete la persona adatta per quella posizione. Tutto questo con un atteggiamento spontaneo, mostrando la giusta dose di sicurezza e autostima. Un buona tecnica, laddove ci sia una parziale mancanza di requisiti, è quella di mostrarsi volenterosi nell’apprendere nuove conoscenze.

IL LOOK GIUSTO

Anche l’abito “fa” il monaco. In un colloquio, infatti, anche il vostro outfit potrà incidere nella scelta. Abiti sobri, che vi facciano prima di tutto sentire a vostro agio. Evitate di essere particolarmente eccentrici o trasmettere un aspetto trasandato. In particolare per le donne potrebbe essere più opportuno evitare trucco pesante e un numero eccessivo di accessori.

NON AVERE PAURA DI CHIEDERE

Se qualche aspetto non vi è chiaro non esitate a fare domande. Chiedere spiegazioni, maggiori dettagli mostrerà un atteggiamento di interesse e di curiosità che sicuramente
sarà apprezzato dai vostri interlocutori. Inoltre, sarà un’ottima occasione per capire se quanto vi stanno offrendo sia in linea con i vostri interessi.

CONCLUDERE CON STILE

Al termine del colloquio evitate di chiedere come è andata. Attendete che sia il vostro interlocutore ad esprimere un’opinione. Prima di salutare come segno di interesse chiedete quali saranno i passi successivi. Evitate però nei giorni seguenti di assillare l’azienda per avere un riscontro, potete provare ad inviare un’email qualche settimana dopo per avere notizie circa l’esito e magari avere anche delle motivazioni. Se l’esito dovesse essere negativo pensate che comunque questo colloquio sarà stata un’esperienza formativa sulla quale riflettere e dalla quale ripartire per rimettersi di nuovo in gioco.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il prof da record, 50 anni al liceo

Next Article

Bullismo, prima condanna definitiva

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.