Cnr, a risanare il mare ci pensa un batterio

cnr, batterio, mare

Isolato nella laguna di Venezia nel 1996, l'”Acinetobacter venetianus VE-C3″ e’ un batterio marino che vive nelle acque inquinate e ha sviluppato la capacita’ di metabolizzare composti come gli idrocarburi rendendoli meno dannosi per l’ambiente; tale processo, quando sfruttato dall’uomo viene chiamato “biorisanamento”. Il genoma completo del batterio e’ stato ora sequenziato, grazie a un gruppo di ricerca internazionale coordinato da Renato Fani, associato di Genetica presso l’Universita’ di Firenze, in collaborazione con l’Istituto di tecnologie biomediche del Consiglio nazionale delle ricerche (Itb-Cnr) di Milano.

I risultati dello studio sono stati pubblicati su ‘Research in Microbiology’. “Lo studio del genoma di Acinetobacter venetianus VE-C3 – ha spiegato Marco Fondi, ricercatore dell’Universita’ di Firenze – fornisce importanti informazioni sui meccanismi messi in atto dai batteri per adattarsi al particolare ambiente biologico in cui vivono; permette di comprendere i meccanismi alla base del metabolismo degli alcani e dell’adesione dei batteri alle gocce di idrocarburi (come il diesel) e di resistenza ai metalli pesanti”.

Il sequenziamento del genoma batterico, ha aggiunto Ermanno Rizzi, ricercatore dell’Itb-Cnr di Milano, “e’ stato possibile grazie all’utilizzo di nuove tecnologie, in grado di produrre un’elevata quantita’ di sequenze, che consentono di decodificare un intero genoma batterico senza informazioni genetiche a priori. Grazie ai dati genetici e genomici ottenuti, e’ stato possibile ampliare le conoscenze dell’intero genere batterico Acinetobacter, rilevandone l’estrema diversita’, rispetto ad altri batteri che pur appartenendo allo stesso genere, sono patogeni aggressivi per l’uomo”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità: la carica dei 500mila. Ecco le comunicazioni del Miur

Next Article

Iusspavia, a breve l'iscrizione ai corsi pre-laurea

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.