Città Metropolitana Bologna: concorso per tecnici

Nuove opportunità di lavoro in Emilia Romagna. La Città Metropolitana di Bologna ha reso pubblico un bando di concorso per l’assunzione di 3 tecnici. Previste assunzioni a tempo indeterminato. La scadenza del bando è prevista per il 12 settembre 2019.
I candidati al concorso della Città Metropolitana di Bologna dovranno possedere i requisiti di seguito riassunti:
– cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea o di altre categorie previste dal bando;
– adeguata conoscenza della lingua italiana (dichiarazione solo per i cittadini non italiani);
– idoneità fisica all’impiego;
– età non inferiore agli anni 18;
– posizione regolare nei confronti dell’obbligo di leva, per i cittadini italiani soggetti a tale obbligo (per i candidati di sesso maschile nati entro il 31/12/1985);
– iscrizione nelle liste elettorali e pieno godimento dei diritti civili e politici;
– assenza di condanne penali o procedimenti penali in corso in Italia o all’estero o provvedimenti definitivi del Tribunale che impediscano la costituzione del rapporto di impiego con la pubblica amministrazione o per reati che comportano la destituzione da pubblici uffici;
– non essere stati rinviati a giudizio, o condannati con sentenza non ancora passata in giudicato, per reati che, se accertati con sentenza di condanna irrevocabile, comportino la sanzione disciplinare del licenziamento;
– non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento o condanna penale;
– non essere stati dichiarati decaduti da un impiego pubblico;
– non aver subito un licenziamento disciplinare o un licenziamento per giusta causa dall’impiego presso una pubblica amministrazione;
– non essere stati licenziati da una Pubblica Amministrazione per non superamento del periodo di prova per il medesimo profilo messo a selezione nè a seguito dell’accertamento che l’impiego venne conseguito mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile e comunque con mezzi fraudolenti;
– non trovarsi in alcuna condizione di incompatibilità o inconferibilità al momento dell’assunzione in servizio;
– non essere in alcuna delle condizioni previste dalle leggi vigenti come cause ostative per la costituzione del rapporto di lavoro di pubblico impiego;
– conoscenza della lingua inglese;
– conoscenza dei principali programmi informatici per l’automazione d’ufficio (word, excel, posta elettronica, tecnologie di navigazione internet).
Ai partecipanti alle selezioni pubbliche si richiedono inoltre il possesso di una laurea magistrale di cui al decreto ministeriale n. 270/2004 conseguita in una delle seguenti classi magistrali:
– Lettere (L-10);
– Storia (LM-84);
– Scienze dell’Educazione (L-50; LM-57; L-19);
– Pedagogia ( LM 85; LM-93);
– Giurisprudenza (LMG-01);
– Scienze politiche (LM-87);
– Sociologia (LM-88).
Le domande di partecipazione al concorso per tecnici dovranno essere presentate entro le 13.00 del 12 settembre 2019 esclusivamente per via telematica tramite il form disponibile a questa pagina, cliccando sul link relativo al bando.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

In Veneto licenziate 500 maestre senza laurea

Next Article

Calzedonia Lavora con noi: posizioni aperte e consigli utili

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.