Città della Scienza, è pronto lo spot per non dimenticare

città della scienza

“Con città della Scienza brucia anche una parte di noi”. Sarà trasmesso venerdì 5 aprile, alle ore 21 su tutte le televisioni campane, lo spot realizzato dalla Run Comunicazione e dalla onlus Energia del Sorriso, per non dimenticare il rogo che ha distrutto la perla napoletana, a esattamente un mese di distanza dall’accaduto.

Il progetto è nato da un’idea di Alessandro Cannavale, e mostra momenti di vita quotidiana con uno stesso unico particolare inquietante. Un docente universitario incontra i suoi studenti con un libro bruciacchiato sotto braccio, una signora al mercato con una mano ustionata, una giovane mamma con la carrozzina in fumo, una turista che mangia una pizza carbonizzata, un professionista che sale le scale della metropolitana con la giacca distrutta dal fuoco.

”Abbiamo provato a raccontare con immagini forti – spiega Alessandro Cannavale – lo stato d’animo dei napoletani e del momento di difficoltà che stanno vivendo in questo momento. Non abbiamo però voluto lasciar spazio alla rassegnazione.

Lo spot, infatti, si chiude con un gruppo di bambini che, sulla spiaggia di Bagnoli, fanno castelli di sabbia e lanciano un messaggio di speranza: ricostruiamo la nostra città, ricostruiamo Napoli.

Il messaggio finale è volutamente aperto, si rivolge a tutta la città per non dimenticare lo stato di difficoltà che oggi vive Napoli, con particolare attenzione agli sfollati della riviera di Chiaia”.

La sera del 5 aprile, sempre alle ore 21, lo spot, diretto dal regista Francesco Prisco, sara’ proiettato anche in una piazza di Napoli.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

37 ricercatori all’Istituto Superiore di Sanità

Next Article

In Francia il primo corso universitario sulla fabbricazione della birra

Related Posts
Leggi di più

Al via la quattordicesima edizione dello Young Internazional Forum. Mancano 95mila tra medici e sanitari

Da mercoledì 5 a venerdì 7 ottobre, tre giorni di evento nel segno dei giovani. Orientamento, informazioni, sessioni di ascolto e confronto, opportunità di studio e scambi, colloqui, seminari sulle materie di studio e workshop. Grazie alla piattaforma Natlive e al canale live streaming, il salone potrà essere seguito in diretta in tutta Italia.