Cinquecento baci per una borsa di studio

Il suo scopo sarebbe andare a New York per studiare e comporre la sua tesi sul comportamento degli Improv Everywhere che non riesce a contattare. Così a deciso di regalare 500 baci ai passanti per attirare l’attenzione del gruppo.

Il suo scopo sarebbe andare a New York per studiare e comporre la sua tesi sul comportamento degli Improv Everywhere che non riesce a contattare. Così ha deciso di regalare 500 baci ai passanti per attirare l’attenzione del gruppo. L’idea, riferisce il quotidiano “l’Adige” è venuta a Nicoletta Crisponi, 25 anni, studentessa al Politecnico di Milano nel corso di laurea di disegno industriale.

Gli “Improv Everywhere” sono un gruppo di cittadini americani che hanno la missione di strappare un sorriso ai passanti magari comparendo in mutande sulla metropolitana o battendo il cinque sulle scale mobili con sconosciuti. E se e-mail e tentativi di contatto con loro sono falliti, Nicoletta spera di attirare la loro attenzione attraverso questa particolare iniziativa.

Domenica, in piazza Duomo a Milano, dalle 12.30 alle 18.30, entrerà in azione con un gruppo di amici e altri studenti pronti a documentare la sua esperienza con fotografie e riprese. L’intenzione è di mettere tutto sulla pagine dei newyorkesi per ottenere la curiosità degli Improv Everywhere e contattarli in tempo per chiedere al Politecnico la borsa di studio per andare a New York, entro un mese, e incontrarli davvero.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Occupazione all'Orientale. Da lettere una nuova mozione

Next Article

Due scienziati italiani sul podio degli States

Related Posts
Leggi di più

“Foto osé in cambio della sufficienza”: chiuse le indagini nei confronti del prof di matematica. Nei guai anche la preside che non denunciò

La Procura di Cosenza ha chiuso le indagini preliminari sul caso delle presunte molestie al liceo "Valentini-Majorana" di Castrolibero. Il docente accusato di violenza sessuale, tentata violenza sessuale, molestie sessuali e tentata estorsione. In un caso chiese a una ragazza di scattarsi una foto del seno se voleva ottenere il 6 nella sua materia.