Cinema e intelligenza artificiale per la didattica del futuro. Il confronto tra Unito e Sottodiciotto Film Festival

Un evento a cura di Sottodiciotto Film Festival e Università degli Studi di Torino. Nel corso della mattinata spazio per i public speech degli studenti e delle studentesse delle due scuole secondarie piemontesi selezionate

“Cinema e Intelligenza Artificiale. Quali prospettive didattiche?”: La giornata di studi sarà trasmessa in streaming su www.unito.it/media Si discuterà dell’intelligenza artificiale attraverso la lente del cinema, dell’arte e delle scienze cognitive

Interverranno:  Ruggero Eugeni (Docente di Semiotica dei Media – Università Cattolica di Milano), Maria Beatrice Ligorio (Docente di Psicologia dell’educazione – Università di Bari) e Pier Luigi Capucci (Docente dell’Accademia di Belle Arti di Urbino e di Reggio Calabria)

Tra gli interventi anche i public speech degli studenti e delle studentesse delle scuole secondarie selezionate.

  • Il primo di Elena Molesti, Eleonora Paddeu e Lucrezia Testore della Classe 4° A dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Camillo Cavour” di Vercelli, supervisionate dal Prof. Marco Martucci, dal titolo “L’intelligenza artificiale in campo educativo: i robot emozionali, dallo storytelling alle sperimentazioni nel campo del reale: Il caso “Rob-blot”.
  • Il secondo di Massimiliano Serra della Classe 5° M del Liceo Artistico “Benedetto Alfieri” di Asti, supervisionato dal Prof. Daniele Talenti, dal titolo “Amore digitale/Amore reale”.

Modera gli interventi della mattina la professoressa Giulia Carluccio, Prorettrice dell’Università degli Studi di Torino. Per maggiori informazioni: https://www.sottodiciottofilmfestival.it/convegno-scuola/

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ocse, giovani in pensione almeno a 71 anni. Male anche gli autonomi

Next Article

Data science sustainability challenge: due studenti italiani vincitori del contest di Microsoft, Capgemini e ÖBAG

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".