Cina, stop ai compiti a casa

compiti a casa

Arrivano le nuove regole a Pechino per gli studenti delle scuole elementari e medie. Secondo quanto riferisce la stampa locale, il governo ha deciso di alleggerire il carico di lavoro degli studenti, considerato eccessivo.

In particolare le nuove direttive prevedono niente compiti a casa per i bambini che frequentano la prima e la seconda elementare e l’eliminazioni degli esami di meta’ anno. Ma anche la diminuzione dei compiti a casa per gli studenti delle restanti classi elementari e per quelli delle medie che, in base alle nuove regole, dovrebbero poter terminare i compiti entro una mezz’ora.

Le nuove disposizioni sono state adottate dopo le proteste di numerose famiglie che lamentavano un impegno eccessivo imposto ai figli. In Cina le scuole sono a tempo pieno, i bambini terminano le lezioni alle 15.30 e spesso, se non abitano nelle vicinanze della scuola, impiegano diverso tempo per tornare a casa. L’obiettivo delle nuove regole e’ anche quello di permettere ai ragazzi, durante la settimana, qualche attivita’ sportiva che altrimenti verrebbe sacrificata.

E sempre nell’ottica di agevolare l’apprendimento, una scuola elementare di Pechino, la Beijing Haite Garden, ha introdotto per i propri studenti l’uso dei tablet al posto dei tradizionali libri di testo. Il governo di Pechino ha annunciato di aver destinato 3 milioni di yuan (oltre 300.000 euro) per il progetto e-bag che prevede appunto che sempre piu’ allievi possano essere dotati di tablets. Tuttavia non tutti sono convinti di questi cambiamenti.

I tradizionalisti infatti ritengono che i libri di testo cartacei non debbano essere sostituiti con schermi e risorse virtuali. Alcuni poi sono preoccupati del fatto che trascorrere molte ore al giorno davanti allo schermo di un computer possa essere dannoso per gli studenti. Alcuni genitori, infine, temono che i ragazzi, con un tablet a disposizione, possano concentrarsi meno sulle materie di studio, distraendosi con social network, programmi di messaggistica e giochi vari.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A Genova l'università con più studenti stranieri

Next Article

Palpeggiamenti a scuola, doppia condanna per un 42enne

Related Posts
Leggi di più

Milano, supplenti rifiutano l’incarico: è emergenza

Per asili ed elementari è scattata la chiamata diretta dai presidi. Alle scuole secondarie superiori i problemi maggiori, con rinunce anche all’ultimo minuto. La scuola non è più sempre di più un parcheggio lavorativo?