A Genova l’università con più studenti stranieri

università di Genova

Arrivano da Pechino, Hong Kong e Shezen, ma anche dal Cile e dal Perù. Si trova a Genova l’università con il maggior numero di studenti stranieri in Italia. Recentemente il polo universitario ha ricevuto un premio per l’alto numero di iscritti ai corsi provenienti da altri Paesi.

Il dato conferma una tendenza in calo, con un -3,3% a livello nazionale. A Genova, invece, il numero degli studenti stranieri si attesta intorno al -2,7%. Secondo Giacomo Deferrari, rettore dell’Ateneo, “la diminuzione degli iscritti dipende quasi esclusivamente dalla situazione economica. È chiaro – ha continuato il rettore – che se io so che la mia famiglia non ha i soldi per mandarmi all’università e in più so che quando mi laureo non trovo lavoro, è evidente che l’università non è una buona prospettiva”.

Deferrari se la prende con la spending review: “È stata irresponsabile la scelta di contrarre ulteriormente i finanziamenti ministeriali e in particolare il fondo di finanziamento ordinario che dal 2008 è diminuito del 16 per cento. Inoltre pochi mesi fa nuove norme hanno fortemente limitato la possibilità di reclutare personale docente”.

Il numero totale degli studenti stranieri iscritti all’Università di Genova è calato di 250 unità nell’ultimo anno, ma si attesta come il miglior risultato tra gli Atenei di medie dimensioni. Il progetto Erasmus nel 2012 ha coinvolto 467 ragazzi, giunti da Francia, Spagna e Germania. Un’importante collaborazione, poi, è stata istituita con la Cina; solo nell’ultimo anno sono arrivati 420 studenti per studiare ingegneria navale a La Spezia.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il mezzogiorno punta sulle start up innovative

Next Article

Cina, stop ai compiti a casa

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.