Chi ricerca trova, l’università scopre l’hi-tech

tecnologia.jpgUna ricerca innovativa e alle esigenze del business, che possa rapportarsi con il mercato e sviluppare applicazioni di altissima tecnologia. In una sola parola: hi tech.

Per creare ed erogare servizi secondo le nuove esigenze dell’economia e della società, le università italiane hanno stabilito di mettersi al passo con i tempi e non sono poche quelle che hanno deciso di fondere i principi del management con le severe regole di una ricerca, specialmente a base ingegneristica.

Sulla stessa lunghezza d’onda e animata dagli stessi principi è la nuova disciplina accademica della Scienza dei servizi, In Italia è arrivata già nel 2006 grazie ad Ibm, che ha stretto accordi con alcune importanti università italiane. In realtà il modello sta decollando specialmente negli ultimi anni attraverso accordi tra università e colossi della tecnologia.

All’Università di Castellana, ad esempio, Ibm ha inviato a titolo gratuito consulenti e progettisti per tenere lezioni per oltre 200 ore. Non da meno Acer che da anni lavora con MIp Politecnico di Milano per offrire agli studenti percorsi d’eccellenza, come Acer academy. La scuola consente, infatti, di appropriarsi di strumenti teorici e pratici per competere sui mercati internazionali.

Un altro insegnamento a fare ricerca hi-tech proviene da Monza , in particolare dalla Cisco photonics, dove si progettano reti ottiche a larghi sisma banda. Circa 200 ricercatori lavorano, oggi, per gestire e controllare le reti in fibra a larghissima banda di nuova generazione. E mentre Cisco decolla, la ricerca sta assumendo altri collaboratori pronti a scommettere su di lei.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Isfol fa il punto sull'apprendistato

Next Article

Assunzioni a tempo indeterminato a Roma

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.