Nuove scoperte all’università: chi fa sport è più intelligente

Mens sana in corpore sanoNuove prove scientifiche sembrano confermare la famosa massima latina “mens sana in corpore sano”. Uno studio dell’Universita’ di Granada ha dimostrato, infatti, che le persone che praticano sport frequentemente hanno maggiori capacita’ cognitive di chi e’ “allergico” alle attivita’ fisiche. In particolare, l’allenamento costante e’ apparso correlato a un migliore funzionamento del sistema nervoso centrale e del sistema nervoso autonomo.

Stando ai risultati della ricerca spagnola, gli sportivi posseggono inoltre una piu’ spiccata abilita’ a concentrarsi e a reagire a uno stimolo esterno improvviso. I sedentari hanno invece tempi di reazione agli imprevisti meno rapidi, oltre a produrre performance cognitive meno efficienti. Lo studio “Cognitive Performance and Heart Rate Variability: The Influence of Fitness Level” ha coinvolto ventotto ragazzi di eta’ compresa tra 17 e 29 anni ed e’ stato pubblicato sulla rivista ‘Plos One’.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

106 minuti di sesso e 36 di lavoro: la formula della felicità

Next Article

"In Italia mancano 6mila pizzaioli: non si riesce a trovarli"

Related Posts
Leggi di più

Università, Messa: “Episodi concorsi isolati”

"La comunità scientifica è una comunità sana. Ha anticorpia sufficienza per reagire e autoregolarsi, ma deve misurarsi tra le altre cose con una realtà che fatica a trovare il giusto equilibrio tra trazione e innovazione, e a definire cosa caratterizzi il merito in maniera obiettiva, rendendo prossima allo zero l'ineludibile discrezionalità della scelta", parole della ministra Cristina Messa