Change the way, gli studenti si mobilitano: manifestazioni in più di 40 città italiane

DSCN6148
Gli studenti in piazza a Roma per difendere il diritto allo studio

 

Studenti in piazza in più di 40 città italiane al grido di “Change the way”. Le associazioni studentesche, a partire dalla Rete degli Studenti Medi, passando per l’UdU e Link, sono scesi in piazza questa mattinain occasione del 15 novembre, giornata internazionale per il diritto allo studio.

Nella capitale la giornata è iniziata con  un blitz degli studenti davanti al ministero dell’Istruzione in viale Trastevere. Momenti di tensione nei pressi di piazza Venezia. Un gruppo di circa 80 militanti del Blocco studentesco ha tentato di forzare un cordone delle forze dell’ordine per raggiungere il Campidoglio dopo un sit-in in piazza Santi Apostoli. La polizia li ha respinti con una carica di contenimento e due ragazzi sono stati fermati. La situazione è poi tornata alla normalità e la manifestazione si è sciolta.

Dalle 9 alle 12, invece, all’Eur corteo “contro la dispoccupazione giovanile” . I vari gruppi si ritroveranno in piazza dei Cinquecento da dove tenteranno di convergere verso il Senato per lanciare un ultimatum al Paese.

 “E’ una giornata, quella di oggi, che mira a far valere i nostri diritti. E’ inaccettabile, ad esempio, la situazione degli alloggi universitari a Roma. Per non parlare degli studenti fuori sede – quasi 700.mila in Italia – che dall’anno prossimo dovranno pagare quasi 300 euro in più a testa di tasse” – ha dichiarato ai microfoni del Corriere dell’Università Alberto Campailla, portavoce nazionale di Link-Coordinamento Universitario.

A Roma il corteo composto da quasi 10.000 studenti ha attraversato le zone del centro città, passando per via dei Fori Imperiali e piazza Venezia. Momenti di tensione si sono vissuti in corso Risorgimento, nei pressi del Senato, quando gli studenti hanno ingaggiato un vero e proprio faccia a faccia con la polizia. L’intento era quello di raggiungere palazzo Madama, ma gli agenti hanno bloccato tutti gli accessi. La situazione, poi, è tornata alla normalità. Si è registrato solo qualche sporadico lancio di oggetti, senza ulteriori cariche della polizia. Il corteo si è poi sciolto sotto il Campidoglio.

A Napoli, invece, si registrano scontri e arresti della polizia. Anche a Genova si sono registrati alcuni minuti di tensione tra la polizia e i manifestanti davanti il comune. A Milano azione degli studenti al Cidis per chiedere alloggi e diritto allo studio. La manifestazione, comunque, non si ferma qui. Anche domani gli studenti saranno in piazza in diverse città italiane, questa volta per protestare contro il “biocidio”.

ECCO LE FOTO DAI CORTEI DI TUTTA ITALIA 

DSCN6105
Gli studenti sfilano per le strade della capitale

 

DSCN6164
A Roma gli studenti arrivano a piazza Venezia

 

DSCN6111
Il corteo a Roma in via Cavour

 

torino
Gli studenti in corteo a Torino

 

Napoli
Gli studenti in corteo a Napoli

 

Copia di Bologna
Si protesta anche a Bologna

 

Copia di Pisa
A Pisa gli studenti hanno esposto uno striscione dal ponte di mezzo

 

Copia di Palermo
Anche a Palermo si difendono i diritti degli studenti

 

studenti foggia
Gli studenti di Foggia in piazza per il diritto allo studio

 

Dai nostri inviati
Raffaele Nappi
Davide Iannotta

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Disabile, gli spengono sigarette addosso. Il giudice archivia il procedimento contro i compagni di scuola

Next Article

Anticipati i risultati dell'Abilitazione Scientifica Nazionale: la denuncia di un ricercatore

Related Posts
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.
Leggi di più

Mai avvolgerla nella plastica o tenerla in tasca: ecco i consigli degli esperti per l’utilizzo della Ffp2: “Se non riceve umidità può durare fino a 40 ore”

Obbligatoria per viaggiare sui mezzi di trasporto e necessaria anche per seguire le lezioni in classe o andare al cinema: la mascherina Ffp2 è uno strumento con il quale stiamo familiarizzando sempre di più in queste settimane. Conservarla correttamente è indispensabile per poterla utilizzare per più di un giorno. "Mai indossarla sopra a una chirurgica".