CERN di Ginevra: borse di studio in Svizzera

Il CERN di Ginevra ha aperto le candidature per l’assegnazione di varie borse di studio per neolaureati, laureati e ricercatori. I contributi economici serviranno a sostenere attività di studio e ricerca in Svizzera. Sono rivolte a candidati che hanno conseguito una laurea o un dottorato di ricerca, con o senza esperienza, e a laureati che hanno interrotto la carriera professionale per un periodo, che desiderano lavorare per un periodo presso il Conseil Européen pour la Recherche Nucléaire. Per partecipare alle selezioni per le borse di studio Cern 2020 c’è tempo fino al 2 marzo.
L’Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare apre, 2 volte l’anno, le candidature per il Fellowship Programme. Si tratta di un programma per neolaureati, laureati e dottori di ricerca, che prevede l’assegnazione di finanziamenti per svolgere attività di studio, ricerca e sviluppo presso la sede dell’Ente a Ginevra.
Le borse di studio CERN hanno, generalmente, una durata fino a 3 anni. Sono riservate a giovani provenienti da università o istituti tecnici superiori. In particolare a coloro che hanno terminato un corso di studi di dottorato (PhD o equivalente) o un corso di laurea in materie quali Fisica Sperimentale o Teorica, Scienza Applicata, Informatica, Ingegneria e simili. Oltre che a laureati in ambito tecnico scientifico che, per motivi personali, hanno interrotto per un periodo la propria carriera e desiderano riprendere il percorso professionale.
REQUISITI
Possono richiedere le borse di studio a Ginevra presso il CERN i candidati in possesso dei seguenti requisiti generali:
– cittadinanza di uno Stato membro del CERN o associato;
– aver conseguito o essere in procinto di conseguire una laurea o un dottorato di ricerca;
– esperienza pregressa di non oltre 10 anni per i candidati con laurea specialistica o titolo superiore, e di non oltre 4 anni per quelli con laurea di primo livello o diploma di Ingegnere tecnico;
– non essere dipendenti del CERN.
Le candidature sono aperte anche per i laureandi, purchè abbiano conseguito il titolo di studio al momento dell’assegnazione della borsa di studio. I requisiti specifici richiesti per partecipare al Fellowship Programme CERN variano in base alla tipologia di borsa di studio.
Le selezioni per le borse di studio CERN sono aperte per partecipare ai seguenti programmi:
S’Cool LAB Manager;
Senior Research Fellowship Programme: Theoretical & Experimental Physics;
Senior Applied Fellowship Programme;
Post Career Break Fellowship Programme;
Junior Fellowship Programme.
I candidati selezionati potranno studiare in Svizzera e lavorare al CERN di Ginevra, svolgendo attività di ricerca e sviluppo in vari ambiti. Riceveranno un contributo economico mensile, calcolato sulla base delle diverse tipologie di borsisti. I beneficiari delle sovvenzioni avranno diritto a 2 giorni di ferie retribuite al mese, assicurazione e rimborso delle spese di viaggio, anche per i loro familiari. Sono previsti anche eventuali contributi economici per alloggio, assegni familiari e simili.
Gli interessati alle borse di studio CERN a Ginevra possono candidarsi visitando questa pagina dedicata al Fellowship Programme, raggiungibile dal portale web riservato alle carriere e selezioni CERN “Lavora con noi”. Per inviare la domanda di partecipazione occorre selezionare il programma di borse di studio di interesse, accedere alla relativa pagina e compilare il form online di candidatura. Le domande devono essere inviate entro il 2 marzo 2020.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Accompagnatori vacanze studio: lavoro all’estero

Next Article

Coronavirus, Pechino: stop a semestre per scuole e università

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.