Cercasi animatori per il museo della scienza

animatori per il museo della scienza
Aperte le selezioni per la Fondazione Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano

Il “Leonardo Da Vinci” di Milano è il più grande museo della scienza e della tecnologia in Italia, uno dei più importanti in Europa e nel mondo. Nato nel febbraio 1953, oggi è Fondazione di diritto privato, con soci istituzionali quali Ministeri, Enti Pubblici e Università milanesi.

In questo momento si stanno cercando animatori scientifici per svolgere attività educative:  visita nelle collezioni storiche, attività sperimentali nei laboratori interattivi, attività di animazione teatrale e attività che si rivolgono ai bambini tra i 3 e i 6 anni.

C’è bisogno di laureati o studenti di facoltà scientifiche e scienze della formazione, in alternativa studenti di scuole teatrali. Requisito indispensabile è l’esperienza pregressa nello svolgimento di attività analoghe, insieme alle buone capacità di comunicazione con il pubblico e/o formazione teatrale, la buona conoscenza della lingua inglese, la disponibilità a svolgere attività durante fine settimana-festivi- attività serale, l’eventuale esperienza di attività di carattere sperimentale.

La selezione seguirà diversi step:  entro il 10 giugno invio curriculum, entro il 20 giugno selezione personale, entro metà ottobre formazione, da metà ottobre inizio lavoro.
Candidature all’indirizzo didattica@museoscienza.it o via fax al numero 02.48010055 indicando nell’oggetto CURRICULUM PER ATTIVITA’ DI ANIMAZIONE SCIENTIFICA.
Tutte le info, comunque, le trovate qui:

www.museoscienza.org/news/dettaglio.asp?idnotizia=792&archivio=no

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giornata della scuola, Marino distribuisce volantini negli istituti

Next Article

Maturandi, ecco come si svolgerà la seconda prova

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.