Cento città contro il dolore

cento città contro il dolore

Cento città contro il dolore Il dolore cronico colpisce circa 12 milioni di italiani, il 20% della popolazione. Per informare i cittadini sulle terapie disponibili e sui centri specialistici presenti sul territorio, diffondere il diritto alla cura sancito dalla legge 38/2010 e raccogliere fondi per la ricerca scientifica, si terra’ sabato 12 ottobre “Cento citta’ contro il dolore” la Giornata promossa della Fondazione ISAL. Nelle piazze di oltre 90 comuni italiani (da Roma a Milano, Napoli, Torino, da Agrigento fino a Trento) e di citta’ straniere (Australia, Canada, Colombia, Germania, Gran Bretagna, Olanda, Spagna e Stati Uniti), volontari e medici spiegheranno come e dove sia possibile curarsi e chiederanno di compilare un questionario, i cui risultati verranno presentati al ministero della Salute.

“Troppe persone sopportano inutilmente il dolore senza rivolgersi a specialisti oppure, per disperazione, fanno ‘shopping sanitario’, assumendo farmaci che possono peggiorare la situazione – dice William Raffaeli, presidente della Fondazione ISAL – e’ in questi casi che il dolore si cronicizza e diventa una vera e propria malattia”. “Ma il dolore, di qualsiasi natura sia, non va sopportato, va trattato – continua Raffaeli – con ‘Cento citta’ contro il dolore’ vogliamo porre fine all’indifferenza, informare i cittadini che curarsi si puo’ e chiedere alle istituzioni di rendere finalmente concreta la legge 38, che e’ una legge di civilta’ e un orgoglio per l’Italia, ma che aspetta ancora di essere applicata”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Opel cerca 350 ingegneri, 50 solo per il polo di Torino

Next Article

Stragista di Utoya, Oslo gli nega l'iscrizione all'università

Related Posts
Leggi di più

Si laurea in autogrill pur di andare allo stadio a vedere una partita di Coppa Italia

Massimo Vitti, tifosissimo del Bari, non ha voluto rinunciare alla trasferta di Parma nonostante fosse già in programma la sua proclamazione a dottore in Economia Aziendale. Si è fermato in una stazione di servizio per collegarsi con l'università in videochiamata: alla fine il voto di laurea è stato di 82 su 110 mentre il Bari ha perso ed è stato eliminato dal torneo.