Cento città contro il dolore

cento città contro il dolore

Cento città contro il dolore Il dolore cronico colpisce circa 12 milioni di italiani, il 20% della popolazione. Per informare i cittadini sulle terapie disponibili e sui centri specialistici presenti sul territorio, diffondere il diritto alla cura sancito dalla legge 38/2010 e raccogliere fondi per la ricerca scientifica, si terra’ sabato 12 ottobre “Cento citta’ contro il dolore” la Giornata promossa della Fondazione ISAL. Nelle piazze di oltre 90 comuni italiani (da Roma a Milano, Napoli, Torino, da Agrigento fino a Trento) e di citta’ straniere (Australia, Canada, Colombia, Germania, Gran Bretagna, Olanda, Spagna e Stati Uniti), volontari e medici spiegheranno come e dove sia possibile curarsi e chiederanno di compilare un questionario, i cui risultati verranno presentati al ministero della Salute.

“Troppe persone sopportano inutilmente il dolore senza rivolgersi a specialisti oppure, per disperazione, fanno ‘shopping sanitario’, assumendo farmaci che possono peggiorare la situazione – dice William Raffaeli, presidente della Fondazione ISAL – e’ in questi casi che il dolore si cronicizza e diventa una vera e propria malattia”. “Ma il dolore, di qualsiasi natura sia, non va sopportato, va trattato – continua Raffaeli – con ‘Cento citta’ contro il dolore’ vogliamo porre fine all’indifferenza, informare i cittadini che curarsi si puo’ e chiedere alle istituzioni di rendere finalmente concreta la legge 38, che e’ una legge di civilta’ e un orgoglio per l’Italia, ma che aspetta ancora di essere applicata”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Opel cerca 350 ingegneri, 50 solo per il polo di Torino

Next Article

Stragista di Utoya, Oslo gli nega l'iscrizione all'università

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".