C'è l'Expo? Foresteria più cara e "studenti in fuga"

In fuga dai rincari dell’Expo. E’ questo l’allarme lanciato dagli studenti milanesi, e riportato dal Corriere della Sera, secondo cui l’aumento dei prezzi degli alloggi nel periodo dell’esposizione internazionale costringerà i giovani a lasciare la foresteria dedicata ai fuori sede. Dai 450 euro attuali, il cda del consorzio pubblico universitario Cidis ha approvato l’aumento di 200 euro nel periodo dell’Expo, da maggio a ottobre. Del consorzio, che gestisce gli alloggi di Milano e Varese, fanno parte la Statale, la Bicocca e l’Università dell’Insubria.
Il caso è stato sollevato da una lettera aperta delle rappresentanze studentesche, che attendevano una deroga per i fuori corso, e che sottolinenano la volontà di far cassa da parte del consorzio. “Senza deroga – sostengono – gli studenti saranno costretti a trasferirsi in strutture fatiscienti, oppure lontano dai poli universitari>. Dal Cidis, il presidente Marcello Fontanesi ribatte che “le tariffe del periodo Expo saranno applicate solo ai professori”, trattandosi di pochi posti (50 sui 1000 disponibili).
Ma secondo i ragazzi, tanti saranno quelli che dal 1° aprile lasceranno vuote le loro camere. E intanto preparano un nuovo bando del diritto allo studio, che comprenda al suo interno servizi come alloggi e mense.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studenti, universitari e laureati: l'OCSE cerca voi

Next Article

La rassegna stampa di mercoledì 18 marzo

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.