La rassegna stampa di mercoledì 18 marzo

I docenti precari tornano protagonisti sulle pagine dei principali quotidiani italiani di questa mattina. Nella giornata di ieri più di 4.000 precari si sono riuniti a Roma da tutta Italia, con un doppio sit-in a Montecitorio e davanti al Ministero dell’Istruzione.
La Gazzetta del Mezzogiorno raccoglie le loro storie e le loro esperienze: “Docenti e dirigenti manifestano dubbi, e attendano che la legge vada in porto”- questo il titolo.
L’Avvenire, quotidiano dei vescovi, si concentra sul fenomeno della scuola in ospedale: con tre giornate di studio che si aprono oggi al Miur alla presenza del ministro Giannini.
Sul Corriere Fiorentino leggiamo invece il progetto degli studenti che si trasformano in guide per i visitatori: dal 17 marzo saranno coinvolti studenti di 17 istituti medi e superiori.
Ma ancora: il rilancio del sud con bandi e progetti, la benedizione in classe rifiutata al parroco, gli studenti disabili senza ascensore a Ravenna, il riscatto di laurea a rate in 10 anni per gli avvocati e lo short film festival al via alla Cà Foscari di Venezia.
Leggi e scarica la rassegna stampa di oggi rassegna stampa 18 marzo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

C'è l'Expo? Foresteria più cara e "studenti in fuga"

Next Article

Scuola, precari in piazza: "Non siamo invisibili, assumeteci"

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.