Carrozza: “Istruzione fondamentale per la ripresa italiana”

FUTURO TRA I GIOVANI TALENTO E OPPORTUNITA'

“L’istruzione e la conoscenza sono pedine fondamentali per la ripresa italiana”. Sono arrivate le prime dichiarazioni di Maria Chiara Carrozza, neo ministro dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca del nuovo governo Letta.

Maria Chiara Carrozza è in servizio come Professore Ordinario di Bioingegneria Industriale presso l’Istituto di Biorobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Dopo Profumo, quindi, un altro rettore entra nel ministero di viale Trastevere.

Il Ministero dell’Istruzione, della Ricerca e dell’Università deve svolgere un ruolo fondamentale nel far ripartire le speranze del Paese – ha continuato la Carrozza – ed è con spirito di servizio che metto a disposizione la mia esperienza per ricordare agli italiani che l’istruzione e la conoscenza sono pedine fondamentali per la ripresa culturale ed economica dell’Italia”.

Il nuovo ministro ha parlato subito della questione del merito. “Dobbiamo aiutare i più meritevoli a studiare secondo i dettami della Costituzione Italiana, dare fiducia ai ricercatori e offrire nuove motivazioni a tutto il corpo insegnante. Dobbiamo dare forza e prospettive alle imprese, costruendo un Paese che individui grandi aree di investimento, di ricerca, di innovazione nell’industria, nell’agricoltura, nei servizi”.

Infine, uno sguardo ai giovani e al futuro. “Investire nella conoscenza significa investire sul futuro, nell’unica risorsa che non si può spostare altrove per essere prodotta a costi più bassi. E’ un settore che crea e salva posti di lavoro, che rimane la nostra massima preoccupazione”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Creata la mappa dettagliata delle cellule cancerogene

Next Article

I single? Sempre più felici

Related Posts
Leggi di più

Anche gli USA promuovono la mascherina: boom di casi dove non è obbligatoria

Le scuole senza obbligo hanno oltre 3 volte più probabilità di subire un focolaio rispetto alle altre: il dato arriva da una ricerca effettuata dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) degli Stati Uniti. Il sottosegretario Sileri: "Sulle quarantene aspettiamo il Cts".