Creata la mappa dettagliata delle cellule cancerogene

Schermata 2013-04-29 a 12.43.00

La lotta al cancro ha una nuova, potente freccia al suo arco. Un gruppo di ricercatori italo-americani ha scoperto il modo di misurare e mappare le cellule tumorali di un paziente, il loro numero, la collocazione e il diverso stadio di sviluppo e mutazione, affrontando quello che e’ uno dei problemi su cui la ricerca mondiale in campo oncologico si sta concentrando: la forte eterogeneita’ dei tumori

La scoperta, pubblicata sulla prestigiosa rivista scientifica ‘Cell’, e’ opera di un gruppo di scienziati, coordinati dai ricercatori dell’Universita’ di Trento (Centro per la Biologia Integrata – CIBIO), del Weill Cornell Medical College (la scuola medica dell’Universita’ Cornell di New York), del Broad Institute del MIT e di Harvard. Francesca Demichelis, ricercatrice del CIBIO e visiting assistant professor di biomedicina computazionale al Weill Cornell, ha lavorato con i suoi collaboratori per cercare di comprendere quanto diffuse siano le mutazioni e le alterazioni del DNA individuate nei vari campioni di tumore e cosa questo possa significare in termini di progressione del tumore e, potenzialmente, del relativo trattamento. Le informazioni relative a cosa sia comune o meno nelle alterazioni – spiega Demichelis -guideranno l’utilizzo dei farmaci e delle cure in relazione al paziente. Le cellule tumorali anche all’interno dello stesso paziente, possono variare moltissimo tra loro e, di conseguenza, avere reazioni del tutto diverse alle terapie. Se alcune cellule vengono infatti aggredite e debellate con le cure standard, altre possono invece essere refrattarie e addirittura guadagnare spazio, estendendosi e moltiplicandosi nell’organismo.

Ecco perche’ ricostruire la mappa, unica e irripetibile, delle cellule malate di ciascun paziente e’ un obiettivo fondamentale della ricerca medica. Il nuovo metodo computazionale sviluppato a Trento, basato sull’analisi del genoma, permettera’ di offrire informazioni mai avute prima sulle condizioni e lo stato di sviluppo delle cellule tumorali del singolo paziente, aiutando cosi’ l’oncologo ad intervenire mirando al bersaglio, ad esempio con un mix o un dosaggio personalizzato di farmaci. Una procedura utile non soltanto in caso di malattie avanzate, ma anche gia’ nella prima fase della terapia.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Campus biomedico, il 6 maggio test d'ingresso anticipati

Next Article

Carrozza: "Istruzione fondamentale per la ripresa italiana"

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.