Campus biomedico, il 6 maggio test d’ingresso anticipati

Schermata 2013-04-29 a 12.34.19

Roma, Cagliari, Bari, Lecce, Palermo, Catania, Reggio Calabria, Cosenza, Potenza e Verona: queste le 10 citta’ in cui il prossimo 6 maggio si terranno gli esami per le ammissioni anticipate ai corsi di laurea in Ingegneria industriale e in Scienze dell’alimentazione e della nutrizione umana dell’Universita’ Campus Bio-Medico di Roma.

Sono 72 i posti disponibili per gli aspiranti ingegneri e 54 per Scienze dell’alimentazione, ovvero il 60% dei posti offerti ogni anno dall’ateneo per questi due percorsi universitari, parte di un’offerta formativa costituita da 9 corsi di laurea. Il superamento della prova scritta, a risposta multipla con domande su argomenti di logica, biologia, chimica, fisica e matematica – informa una nota – da’ accesso al colloquio orale, in programma una settimana dopo, lunedi’ 13 maggio, a Roma presso la sede dell’Universita’ in via A’lvaro del Portillo, 21.

Agli esami di ammissione possono partecipare tutti gli studenti dell’ultimo anno di scuola superiore e chi ha gia’ conseguito la maturita’. Un eventuale insuccesso alle selezioni anticipate non preclude comunque la possibilita’ di un secondo tentativo nella consueta sessione dei primi di settembre. Questi test anticipati sono dunque un’occasione, per chi risultera’ ammesso, per mettere in tasca in anticipo sulle vacanze estive l’accesso all’universita’ e rappresentano comunque, per chi non dovesse farcela in prima battuta, la possibilita’ di rompere il ghiaccio e arrivare con maggiore esperienza all’appuntamento di settembre. Il bando di concorso e’ disponibile sul sito dell’ateneo, www.unicampus.it.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Salute, Italiani più longevi ma aumenta l'uso di antidepressivi

Next Article

Creata la mappa dettagliata delle cellule cancerogene

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.