Caos scuole in Puglia, al Tar l’avvocatura di Stato «appoggia» Emiliano. Ma poi precisa: nota standard

La battaglia sulla chiusura delle scuole in Puglia si avvia verso un colpo di scena. Nonostante il diktat di domenica del ministro Lucia Azzolina, contraria alle disposizioni emanate dal presidente Michele Emiliano, l’Avvocatura dello Stato si è costituita – per conto del ministero dell’Istruzione – a sostegno della Regione nel giudizio davanti al TAR di Bari che il 18 deciderà in camera di consiglio se confermare o meno il decreto con cui venerdì è stata sospesa l’ordinanza del presidente Michele Emiliano.

Il provvedimento della Regione del 28 ottobre aveva disposto lo stop fino al 24 novembre di tutte le attività di didattica in presenza dalle elementari alle superiori in Puglia. L’avvocato dello Stato, Giuseppe Zuccaro, si è costituito “per resistere al ricorso” con cui una associazione di consumatori ha ottenuto il decreto sospensivo della chiusura delle scuole: l’Avvocatura dello Stato dunque difenderà l’ordinanza di chiusura di Emiliano. 

“Abbiamo depositato – dice l’avvocato Zuccaro – una costituzione standard che viene generata dal sistema informatico. La nostra posizione dipende da quello che ci dirà il ministero dell’Istruzione, quindi in questo momento non siamo in grado di dire se aderiremo al ricorso o se ne chiederemo il rigetto. Per evitare che si generi confusione stiamo depositando al Tar una nota di chiarimento”.

Ieri l’insistenza del governatore: “Faccio mio l’appello dei pediatri“, ha detto rilanciando le dichiarazioni del presidente della Fimp, “evitate di mandare i bambini a scuola in presenza, questo è più sicuro sia per i bambini che per la salute pubblica. Scegliete, se possibile, la Dad, e da casa cercate di fare il possibile, fino a quando i dati epidemiologici non scenderanno”.

L’ordinanza del 27 ottobre, quella che chiudeva tutte le scuole, è stata sospesa venerdì con un decreto monocratico urgente del Tar di Bari. La Regione ha chiesto di anticipare (dal 3 dicembre a mercoledì della prossima settimana) l’udienza in camera di consiglio in cui si discuterà della sospensiva: il tentativo sarà, ovviamente, di ottenere la revoca del decreto, così da poter ripristinare la chiusura alla didattica in presenza di tutti gli istituti scolastici.

Sul punto, Emiliano non usa giri di parole: “Anche il Tar della Campania – ha detto ieri – ha respinto, come aveva fatto il Tar di Lecce, una ordinanza identica alla nostra: dice chiaramente che il provvedimento di chiusura alla didattica in presenza di tutte scuole, è motivato sul rilievo della persistente emergenza sanitaria, sul verificato effetto moltiplicatore dei contagi connessi a positività nelle fasce di età scolare e sul prevedibile impatto sul sistema sanitario regionale. Se così è, abbiamo ancora ottime possibilità di convincere il Tar di Bari a ripristinare la nostra ordinanza di fine ottobre: la sospensiva ci ha molto stupito”.

Nei fatti però le scuole pugliesi sono state autorizzate dal ministero a non applicare la nuova ordinanza. Emiliano non ci sta: “Ricordo a tutti coloro che sono stati costretti ad accettare la didattica in presenza per la indisponibilità a concederla o ad organizzarla in tempi ragionevoli, che hanno il pieno diritto di pretenderla e che potranno segnalare le omissioni al Prefetto e all’Ufficio scolastico regionale e anche a me, come già stanno facendo”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Joe Biden eletto presidente degli Stati Uniti. Trump non accetta la sconfitta e inizia le epurazioni

Next Article

Università del Piemonte Orientale, sindacato: “Nel Comitato Covid atteggiamento di totale chiusura”

Related Posts
Leggi di più

Ue, quattro scuole italiane vincono il premio per l’insegnamento innovativo

Annunciati i vincitori dell'edizione 2022 del Premio europeo per l'insegnamento innovativo EITA- European Innovative Teaching Award: sono l'Istituto tecnico agrario “A. Trentin” di Lonigo (Vicenza), la scuola secondaria Statale di Primo Grado "G.Bianco- G. Pascoli" di Fasano (Brindisi), l'Istituto comprensivo "D'Azeglio-Nievo" di Torino e "Ettore Guatelli" a Collecchio (Parma). Il 25 ottobre la consegna dei premi a Bruxelles.