Canfora e Cacciari insegneranno all’Alma mater di Bologna

Luciano Canfora e Massimo Cacciari docenti all’Alma mater per due corsi del prossimo anno accademico. L’ha annunciato il rettore dell’Universita’ di Bologna, Ivano Dionigi. I due intellettuali, chiamati ‘per chiara fama ad personam’, terranno rispettivamente un corso di 30 ore di ‘Filologia classica’ e uno di ‘Filosofia e filologia dell’umanesimo’.

”Queste due presenze – ha spiegato il rettore ai giornalisti – sono un’opportunita’ e un regalo agli studenti. Il diritto allo studio e’ anche questo, e’ anche poter avere dei maestri di eccezione, due persone colte che quando parlano lasciano il segno. Perche’, accanto alle politiche per avere dei giovani docenti, vogliamo portare avanti anche le politiche dei maestri”. Dionigi ha detto che dietro il si’ di Canfora e Cacciari c’e’ il rapporto personale che ha con loro e l’attrattivita’ dell’ateneo bolognese.

”Non abbiamo neanche parlato di cifre, non e’ un problema per loro – ha detto Dionigi – La loro presenza non intacchera’ la programmazione, non penalizzera’ i giovani”. Soddisfatti di questa opportunita’ anche i due intellettuali, intervenuti in viva voce durante la conferenza stampa chiamati direttamente dal rettore. ”Ho grande simpatia per l’Alma mater per diecimila motivi culturali e affettivi – ha spiegato il filologo – E’ una sfida che accetto con entusiasmo.

Ho gia’ in mente il tracciato e il filo conduttore del corso: la questione sempre aperta della stratificazione delle fonti, di come si costruisce una tradizione”. Anche Cacciari ha espresso ”soddisfazione per questa opportunita’. Il tema dell’umanesimo lo sto affrontando per vari motivi, anche patriottici. E’ il momento di rivendicare l’apporto del pensiero italiano in Europa. Ricordare quando l’Italia era maestra della cultura europea, quando l’Europa andava a scuola dall’Italia e non credo per motivi ormai passati’

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Francesco Rosi incontra i ragazzi della Federico II

Next Article

Si laurea ma non trova lavoro. Ora fa lo spaventapasseri

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.