Canada-Italy Innovation Award 2016: in palio oltre 3 mila euro per progetti di ricerca

Canada-Italy Innovation Award 2016: opportunità per ricercatori, scienziati, innovatori e startupper italiani che vogliano sviluppare progetti in collaborazione con i colleghi canadesi.
Il premio che finanzia i giovani innovatori italiani interessati a sviluppare i propri progetti in ambiti scientifici ritenuti prioritari dal Governo del Canada. Ai vincitori del contest, oltre a un viaggio in Canada, un finanziamento massimo fino a 3.000 euro per sviluppare il proprio progetto in collaborazione con un team nordamericano. Previsti, inoltre, rimborsi per l’acquisto del biglietto aereo, il pernottamento, i trasporti locali e un buono spesa di 60 euro giornalieri.
Per partecipare al premio occorrerà presentare un progetto innovativo in una delle aree tematiche stabilite dal governo canadese: Energia/Ambiente; Scienze e tecnologie dell’area polare/artica e degli oceani; Tecnologie ecosostenibili; ICT; Nanotecnologia; Sviluppo agricolo sostenibile e sicurezza alimentare; Artigianato innovativo.
Criteri di valutazione saranno: il livello di innovazione del progetto proposto; la qualità dei risultati ottenuti; il maggior potenziale per una collaborazione a lungo termine; il maggior potenziale in prospettiva a una più ampia dimensione istituzionale; l’utilizzo di modelli di collaborazione all’avanguardia; l’uso innovativo di infrastrutture di ricerca.A valutare le candidature sarà un gruppo di esperti dell’ambasciata canadese in Italia.
Per partecipare al premio Canada-Italy Innovation Award 2016 compilate l’Application Form entro il 1° Aprile 2016. Maggiori informazioni sul bando ufficiale del Canada-Italy Innovation Award 2016.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università di Palermo: Sergio Mattarella apre i festeggiamenti per i 210 anni dell'Ateneo siciliano

Next Article

"Ragazzi siate gentili". Il meraviglioso discorso di George Saunders ai neolaureati

Related Posts
Leggi di più

Altro che tesoro! In Italia chi trova un amico… trova un lavoro

Secondo un'indagine Inapp-Plus negli ultimi dieci anni quasi un lavoratore su quattro ha trovato occupazione tramite amici, parenti o conoscenti. Solo il 9% grazie a contatti stabiliti nell'ambiente lavorativo. Un sistema che ha delle ripercussioni anche su stipendi e mansioni (al ribasso).