Canada-Italy Innovation Award 2016: in palio oltre 3 mila euro per progetti di ricerca

Canada-Italy Innovation Award 2016: opportunità per ricercatori, scienziati, innovatori e startupper italiani che vogliano sviluppare progetti in collaborazione con i colleghi canadesi.
Il premio che finanzia i giovani innovatori italiani interessati a sviluppare i propri progetti in ambiti scientifici ritenuti prioritari dal Governo del Canada. Ai vincitori del contest, oltre a un viaggio in Canada, un finanziamento massimo fino a 3.000 euro per sviluppare il proprio progetto in collaborazione con un team nordamericano. Previsti, inoltre, rimborsi per l’acquisto del biglietto aereo, il pernottamento, i trasporti locali e un buono spesa di 60 euro giornalieri.
Per partecipare al premio occorrerà presentare un progetto innovativo in una delle aree tematiche stabilite dal governo canadese: Energia/Ambiente; Scienze e tecnologie dell’area polare/artica e degli oceani; Tecnologie ecosostenibili; ICT; Nanotecnologia; Sviluppo agricolo sostenibile e sicurezza alimentare; Artigianato innovativo.
Criteri di valutazione saranno: il livello di innovazione del progetto proposto; la qualità dei risultati ottenuti; il maggior potenziale per una collaborazione a lungo termine; il maggior potenziale in prospettiva a una più ampia dimensione istituzionale; l’utilizzo di modelli di collaborazione all’avanguardia; l’uso innovativo di infrastrutture di ricerca.A valutare le candidature sarà un gruppo di esperti dell’ambasciata canadese in Italia.
Per partecipare al premio Canada-Italy Innovation Award 2016 compilate l’Application Form entro il 1° Aprile 2016. Maggiori informazioni sul bando ufficiale del Canada-Italy Innovation Award 2016.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università di Palermo: Sergio Mattarella apre i festeggiamenti per i 210 anni dell'Ateneo siciliano

Next Article

"Ragazzi siate gentili". Il meraviglioso discorso di George Saunders ai neolaureati

Related Posts
Leggi di più

Il mondo della comunicazione è sempre più giovane: il 53% degli occupati è under 35

Un dipendente su due che lavora nel mondo della comunicazione ha meno di 35 anni. E' quanto emerge da un'indagine condotta su un campione di 172 aziende e condotta da Una, Aziende della comunicazione unite, e Almed, Alta Scuola in Comunicazione, Media e Spettacolo, dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. Negli ultimi anni c'è stato un calo dell'occupazione femminile.