Campania Biotech, uniti per competere

biotech.jpgIl progetto è ambizioso: fare della Campania una regione leader nella ricerca nel settore delle biotecnologie. La sfida è stata lanciata dal CamBio SCaRl, il grande progetto inserito nel POR 2007-2013 e approvato dall’Ue, che oltre a mettere in rete i Centri di competenza regionali, punta alla realizzazione della filiera del farmaco come infrastruttura di supporto per il distretto tecnologico.
A Campania Biotech (abbreviata in ‘CamBio’) partecipano i tre principali Centri di competenza regionali, Bioteknet, specializzata in biotecnologie e che ha come capofila la Seconda Università di Napoli (Sun); Gear, specializzata nella ricerca farmaceutiche e che ha come capofila l’Università di Napoli Federico II; e Dfn, specializzata nella ricerca genetica e che ha come capofila il Cnr.
Il progetto è articolato lungo due direttrici: da un lato la realizzazione di un Campus che consenta di concentrare iniziative diverse e complementari nell’ambito della ricerca biomedica, dall’altro il potenziamento di una rete di laboratori pubblico-privati, dislocati sull’intero territorio campano in grado di effettuare un’azione di interfaccia diretta con le imprese e di sviluppare progetti di immediata ricaduta industriale.
«In Campania, nonostante le difficoltà, nel campo della ricerca non siamo secondi a nessuno – sottolinea Francesco Rossi, rettore della Sun – nell’ambito delle biotecnologie e delle biomendicine i ricercatori delle nostre università e dei nostri centri di eccellenza hanno buone idee. Facciamo una ricerca eccellente che però da sola non basta. È una ricerca di base ed oggi occorre passare alla ricerca applicata e trasferire la ricerca applicata alle imprese, fare attività di ricerca assieme alle imprese, creare laboratori di ricerca pubblico-privati».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Mibac, S. Valentino all’insegna dell’arte

Next Article

Umberto I, commissario per i lavori

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"