Brescia, Trento e Pesaro finaliste del premio Città italiana dei Giovani 2021

Il Premio Città Italiana dei Giovani 2021 è il giusto riconoscimento per gli sforzi progettuali delle Città italiane

Il Premio Città Italiana dei Giovani 2021 è il giusto riconoscimento per gli sforzi progettuali delle Città italiane. Il Premio è assegnato, per il periodo di un anno, alla miglior città italiana che presenti progetti di valorizzazione, partecipazione e inclusione giovanile.

Il Premio promuove idee di città inclusive, resilienti e a misura di giovani sul modello degli obiettivi dello Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite, che assicurino comunità nelle quali i giovani possano vivere secondo le proprie aspettative, in un ambiente sano, sicuro, stimolante, con spazi dedicati allo sviluppo delle potenzialità dei giovani. Per essere selezionate, le città che parteciperanno al bando dovranno – da regolamento – presentare un piano d’azione che favorisca il coinvolgimento, la responsabilizzazione e la partecipazione dei giovani anche ai processi decisionali del proprio territorio.

“Brescia, Pesaro e Taranto: sono tre le finaliste per il Premio Città italiana dei Giovani 2021, promosso dal Consiglio Nazionale dei Giovani in collaborazione con il Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale e l’Agenzia Nazionale per i Giovani.

I progetti delle tre città finaliste sono risultati coerenti con la necessità di offrire ai giovani lo spazio e il supporto necessario per prendere parte attivamente ai processi decisionali del proprio territorio, come modello di buona prassi, trasferibile e replicabile”.

Queste le parole del Presidente del Consiglio Nazionale dei Giovani, Maria Cristina Pisani.  “Desideriamo ringraziare tutti i Comuni che hanno presentato la loro candidatura dando un segnale positivo alle giovani generazioni, con la volontà di ripensare le proprie realtà locali come luoghi di protagonismo e rinascita giovanile”, ha sottolineato la Presidente Pisani.

“Il Premio Città Italiana dei Giovani 2021 è il giusto riconoscimento per gli sforzi progettuali delle Città italiane, che hanno partecipato alla selezione, e del mondo delle associazioni giovanili, che si sono attivate per avviare, sul territorio, progetti innovativi inclusivi e resilienti, in grado di promuovere la partecipazione attiva dei giovani nei processi decisionali. È un modello di politiche giovanili replicabile anche in altre realtà italiane, che garantisce alle giovani generazioni un ruolo sempre più da protagonisti all’interno della società civile.”, dichiara il Capo del Dipartimento per le politiche giovanili e il Servizio civile universale, Flavio Siniscalchi.

“Il Premio Città italiana dei Giovani 2021 è un abbraccio che unisce la comunità giovanile e le città in uno scambio reciproco e costruttivo – commenta Lucia Abbinante, direttrice dell’Agenzia Nazionale per i Giovani – Da un lato questa importante opportunità permette ai giovani di essere veramente protagonisti e di fare rete all’interno dei territori, dall’altro consente alle città di essere migliorate e trasformate dalle visioni, dalle energie e dalle competenze dei giovani”. La Giuria procederà alla proclamazione della Città vincitrice in un evento che avrà luogo a Roma il prossimo aprile.

Leggi anche:

Messina: il team di studenti Unime “Zancle E-Drive” parteciperà alla Formula SAE

Ricerca, Messa: “Servono 50 mila ricercatori”

https://corriereuniv.it/2021/03/impatto-zero/
https://corriereuniv.it/2021/03/i-maneskin-hanno-cambiato-zitti-e-buoni-per-partecipare-alleurovision/
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Messina: il team di studenti Unime “Zancle E-Drive” parteciperà alla Formula SAE

Next Article

Esercito, Marina e Aeronautica: sono on-line i concorsi per assegnare 438 posti

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".