Borse di ricerca per la Germania

LIMITE PER LE CANDIDATURE SCADUTO
Le borse di studio DAAD offrono la possibilità a dottorandi e giovani ricercatori stranieri di condurre delle ricerche in Germania e di proseguire la propria formazione accademica. L’obiettivo di questo finanziamento è promuovere – attraverso brevi soggiorni di ricerca – lo scambio di esperienze e i contatti con colleghi dello stesso ambito disciplinare, principalmente per progetti nell’ambito di programmi di dottorato.
Chi può candidarsi?
Laureati del ciclo magistrale, dottorandi e Post-Doc in Italia, Vaticano o San Marino. Eleggibili sono anche candidati che si trovano già in Germania, ma da non più di 15 mesi.
Cosa viene finanziato?
Un progetto di ricerca presso un’università tedesca statale o legalmente riconosciuta o presso un istituto di ricerca extrauniversitario, da condurre in accordo con un supervisore scientifico in Germania
La borsa di studio comprende:
• Rate mensili pari a 1000 euro
Assicurazione sanitaria, contro gli infortuni e sulla responsabilità civile
Sussidio per i costi di viaggio, se questi non sono a carico del Paese d’origine o di terzi
Prima di inoltrare la domanda, i candidati di Paesi terzi o aventi conseguito la maturità o un titolo universitario in Germania (deutsche Bildungsinländer) sono tenuti a mettersi in contatto con il Centro Informazioni DAAD per ricevere una consulenza approfondita e verificare i requisiti di eleggibilità.
Generalmente al momento della candidatura non dovrebbero essere trascorsi più di sei anni dall’esame di laurea. Se si dispone già un titolo di dottorato, quest’ultimo non dovrebbe essere stato conseguito da più di sei anni. I dottorandi non dovrebbero aver iniziato il dottorato da più di tre anni.
Termine di scadenza delle candidature e periodo di fruizione 31 agosto 2016 per partenze tra il 1 febbraio e il 15 luglio 2017.
IL BANDO

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

UniCredit mette a disposizione 15 borse di studio con lo "Study-Abroad Exchange Programme"

Next Article

Affitti agli studenti, una stanza costa 365 euro al mese

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.