Borse per un corso sull'energia eolica

In occasione della Giornata Mondiale del Vento, ANEV – Associazione Nazione Energia del Vento, in collaborazione con UIL, assegna 2 borse di studio per la partecipazione al primo corso di formazione “Essere manager delle energie rinnovabili: l’energia eolica”, che ha l’obiettivo di fornire ai partecipanti le informazioni e le competenze necessarie per presidiare, nei territori di propria competenza la creazione, la gestione e lo sviluppo di un parco eolico.
Il corso si terrà a Roma, dal 19 al 22 Maggio 2009. Contenuti del corso saranno: la tecnologia dell’eolico, le modalità attraverso cui enti e privati possono accedere a finanziamenti per lo sviluppo dell’energia eolica, come si sta sviluppando il mercato dei Certificati Verdi, le modalità di negoziazione con le parti, un aggiornamento sulle nuove leggi e sui processi di sviluppo.
Il corso sarà condotto da docenti qualificati e compenti che collaborano con ANEV e sarà arricchito da importanti testimonianze di imprenditori del settore come enti coinvolti nello sviluppo di questa sensibilità. Durante il corso è prevista la visita di una giornata presso un parco eolico, occasione importante per confrontare le idee e i concetti che già si possiedono con un’esperienza reale, conoscere i manager del parco e confrontarsi con loro su diverse problematiche che debbono essere affrontate.
Per maggiori informazioni vi invitiamo a visitare il sito www.anev.org, dove i candidati potranno trovare tutte le informazioni necessarie alla partecipazione al concorso. Saranno ritenuti prioritari per l’assegnazione delle borse: una specifica motivazione a frequentare il corso e a lavorare nello sviluppo dell’energia eolica il curriculum vitae altri lavori svolti nell’ambito dello sviluppo sostenibile e delle energie rinnovabili.
Le domande di assegnazione delle borse dovranno pervenire entro il 30 aprile 2009 per posta o via e-mail a Gruppo Prospecta SRL, Via Sanfelice,3 – 20137 Milano; indirizzo email [email protected]

Total
0
Shares
2 comments
  1. quale è la differenza tra doppi vetri e doppi infissi :
    i doppi vetri non risolvono il problema del risparmio
    energetico per il motivo che rimangono circa 40 centimetri
    dove viene alloggiata la tapparella di spazio aperto dove entra
    freddo e caldo invece con i doppi infissi si forma una camera
    ad aria e non passa nè caldo nè freddo .
    Ho calcolato che se tutti avessero gli infissi avremmo un risparmio
    energetico pari a tutta l’energia eolica prodotta in Italia .
    Comunque tenere sempre una finestra che si apra allo spostamento
    dell’aria per difenderci da eventuali terremoti .
    Non capisco come nessun politico abbia proposto una legge
    sul risparmio energetico sulle nuove costruzioni .

  2. NO AL NUCLEARE LE SCORIE RADIATTIVE DI TUTTA EUROPA NON LE VOGLIAMO .
    NO ALLE SOSTANZE CHIMICHE NEGLI ALIMENTI CHE FALSIFICANO LA QUALITA’.
    SI ALLE MEDICINE GRATUITE DA FONTI VEGETALI .
    NO AI MEDICI CHE PRESCRIVONO SOSTANZE CHIMICHE NON SIAMO PIANTE .
    NO AI FITORMONI NELLA INDUSTRIA ALIIMENTARE .

Lascia un commento
Previous Article

Cattolica, al via i seminari di economia sanitaria

Next Article

Giovani artisti si sfidano sul palco ispirati da Pinter

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.