Borse di studio per volare in Bulgaria

Il Ministero degli Affari Esteri ha emanato 8 borse di studio di durata tre settimane ciascuna, di cui 4 presso l’ Università di Sofia “S. Clemente di Ocrida” e 4 presso l’Università “S.S. Cirillo e Metodio” di Veliko Tarnovo.
Non e’ obbligatoria la conoscenza della lingua bulgara. Le borse sono destinate a studenti e studiosi italiani di lingua e letteratura bulgara o filologia slava. La borsa di studio comprende: vitto e alloggio, programma didattico e culturale. Le spese di trasporto e l’assicurazione sanitaria sono a carico dello studente.
Il seminario presso l’Università di Sofia si svolgerà dal 12.07.2015 al 01.08.2015, invece il seminario presso l’Università di Veliko Tarnovo si svolgerà dal 20.07.2015 al 09.08.2015. I candidati devono inviare all’Ambasciata di Bulgaria a Roma entro il 10 aprile 2015 il modulo online, compilato, stampato, datato e firmato in originale; per l’ Università di Sofia “S. Clemente di Ocrida” il modulo è reperibile a https://www.slav.unisofia.bg/index.php/summer-seminar ; per l’Università di Veliko Tarnovo “S.S. Cirillo e Metodio” il modulo è reperibile a https://www.uni-vt.bg/1 Il modulo deve essere inviato in una unica copia cartacea.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

20 borse di studio nel settore ICT

Next Article

Australia e Canada, ecco le borse di studio

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.